TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 27 dicembre 2004, n.306: Ripubblicazione del testo della legge 27 dicembre 2004, n. 306, concernente: «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, recante proroga o differimento di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di proroga di termini per l'esercizio di deleghe legislative», corredato delle relative note. (Legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - Geologi.info | Geologi.info

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 27 dicembre 2004, n.306: Ripubblicazione del testo della legge 27 dicembre 2004, n. 306, concernente: «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, recante proroga o differimento di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di proroga di termini per l’esercizio di deleghe legislative», corredato delle relative note. (Legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 27 dicembre 2004, n.306: Ripubblicazione del testo della legge 27 dicembre 2004, n. 306, concernente: «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, recante proroga o differimento di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di proroga di termini per l'esercizio di deleghe legislative», corredato delle relative note. (Legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 27 dicembre 2004). (GU n. 15 del 20-1-2005)

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 27 dicembre 2004, n.306

Ripubblicazione del testo della legge 27 dicembre 2004, n. 306,
concernente: «Conversione in legge, con modificazioni, del
decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, recante proroga o differimento
di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di
proroga di termini per l’esercizio di deleghe legislative», corredato
delle relative note. (Legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 302 del 27 dicembre 2004).

Avvertenza:
Si procede alla ripubblicazione del testo della legge 27 dicembre
2004, n. 306, corredato delle relative note, ai sensi dell’art. 8,
comma 3, del regolamento di esecuzione del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sulla emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni
ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 14 marzo
1986, n. 217. Restano invariati il valore e l’efficacia dell’atto
legislativo qui trascritto.

Art. 1.
1. Il decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, recante proroga o
differimento di termini previsti da disposizioni legislative, e’
convertito in legge con le modificazioni riportate in allegato alla
presente legge.
2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
all’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.

Art. 2.
1. All’articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273, e
successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1, alinea, le parole: «entro due anni dalla data di
entrata in vigore della presente legge» sono sostituite dalle
seguenti: «entro il 28 febbraio 2005»;
b) dopo il comma 3, e’ aggiunto il seguente:
«3-bis. Entro un anno dalla data di entrata in vigore dei decreti
legislativi di cui al comma 1, nel rispetto dei principi e criteri
direttivi e con la medesima procedura di cui al presente articolo, il
Governo puo’ adottare, previo parere delle competenti Commissioni
parlamentari, disposizioni correttive o integrative dei decreti
legislativi medesimi».

Note all’art. 2:
– Si riporta il testo dell’art. 15 della legge
12 dicembre 2002, n. 273, recante «Misure per favorire
l’iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza», come
modificato dalla legge qui pubblicata:
«Art. 15 (Delega al Governo per il riassetto delle
disposizioni in materia di proprieta’ industriale). – 1. Il
Governo e’ delegato ad adottare, entro il 28 febbraio 2005,
sentite le competenti Commissioni parlamentari, uno o piu’
decreti legislativi per il riassetto delle disposizioni
vigenti in materia di proprieta’ industriale, nel rispetto
dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) ripartizione della materia per settori omogenei e
coordinamento, formale e sostanziale, delle disposizioni
vigenti per garantire coerenza giuridica, logica e
sistematica;
b) adeguamento della normativa alla disciplina
internazionale e comunitaria intervenuta;
c) revisione e armonizzazione della protezione del
diritto d’autore sui disegni e modelli con la tutela della
proprieta’ industriale, con particolare riferimento alle
condizioni alle quali essa e’ concessa, alla sua estensione
e alle procedure per il riconoscimento della sussistenza
dei requisiti;
d) adeguamento della disciplina alle moderne
tecnologie informatiche;
e) riordino e potenziamento della struttura
istituzionale preposta alla gestione della normativa, con
previsione dell’estensione della competenza anche alla
tutela del diritto d’autore sui disegni e modelli, anche
con attribuzione di autonomia amministrativa, finanziaria e
gestionale;
f) introduzione di appositi strumenti di
semplificazione e riduzione degli adempimenti
amministrativi;
g) delegificazione e rinvio alla normazione
regolamentare della disciplina dei procedimenti
amministrativi secondo i criteri di cui all’art. 20 della
legge 15 marzo 1997, n. 59;
h) previsione che la rivelazione o l’impiego di
conoscenze ed esperienze tecnico-industriali, generalmente
note e facilmente accessibili agli esperti e operatori del
settore, non costituiscono violazioni di segreto aziendale.
2. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono
adottati su proposta del Ministero delle attivita’
produttive, di concerto con i Ministri della giustizia,
dell’economia e delle finanze e degli affari esteri. In
deroga all’art. 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, a
seguito della deliberazione preliminare del Consiglio dei
Ministri, sugli schemi di decreto legislativo e’ acquisito
il parere del Consiglio di Stato.
3. Dall’attuazione della delega di cui al presente
articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a
carico del bilancio dello Stato.
3-bis. Entro un anno dalla data di entrata in vigore
dei decreti legislativi di cui al comma 1, nel rispetto dei
principi e criteri direttivi e con la medesima procedura di
cui al presente articolo, il Governo puo’ adottare, previo
parere delle competenti Commissioni parlamentari,
disposizioni correttive o integrative dei decreti
legislativi medesimi.».

Art. 3.
1. Il termine di cui all’articolo 1, comma 1, della legge 28 marzo
2003, n. 53, e’ prorogato di sei mesi.

Nota all’art. 3:
– Si riporta il testo dell’art. 1, comma 1, della legge
28 marzo 2003, n. 53, recante «Delega al Governo per la
definizione delle norme generali sull’istituzione e dei
livelli essenziali delle prestazioni in materia di
istruzione e formazione professionale»:
«1. Al fine di favorire la crescita e la valorizzazione
della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell’eta’
evolutiva, delle differenze e dell’identita’ di ciascuno e
delle scelte educative della famiglia, nel quadro della
cooperazione tra scuola e genitori, in coerenza con il
principio di autonomia delle istituzioni scolastiche e
secondo i principi sanciti dalla Costituzione, il Governo
e’ delegato ad adottare, entro ventiquattro mesi dalla data
di entrata in vigore della presente legge, nel rispetto
delle competenze costituzionali delle regioni e di comuni e
province, in relazione alle competenze conferite ai diversi
soggetti istituzionali, e dell’autonomia delle istituzioni
scolastiche, uno o piu’ decreti legislativi per la
definizione delle norme generali sull’istruzione e dei
livelli essenziali delle prestazioni in materia di
istruzione e di istruzione e formazione professionale.».

Art. 4.
1. All’articolo 1, comma 4, primo periodo, della legge 5 giugno
2003, n. 131, e successive modificazioni, le parole: «due anni» sono
sostituite dalle seguenti: «tre anni» e sono aggiunte, in fine, le
seguenti parole: «e indicando, in ciascun decreto, gli ambiti
normativi che non vi sono compresi».

Nota all’art. 4:
– Si riporta il testo dell’art. 1, comma 4, della legge
5 giugno 2003, n. 131, recante «Disposizioni per
l’adeguamento dell’ordinamento della Repubblica alla legge
costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3», come modificato
dalla presente legge:
«4. In sede di prima applicazione, per orientare
l’iniziativa legislativa dello Stato e delle regioni fino
all’entrata in vigore delle leggi con le quali il
Parlamento definira’ i nuovi principi fondamentali, il
Governo e’ delegato ad adottare, entro tre anni dalla data
di entrata in vigore della presente legge, su proposta del
Presidente del Consiglio dei Ministri di concerto con i
Ministri interessati, uno o piu’ decreti legislativi
meramente ricognitivi dei principi fondamentali che si
traggono dalle leggi vigenti, nelle materie previste
dall’art. 117, terzo comma, della Costituzione, att…

[Continua nel file zip allegato]

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 27 dicembre 2004, n.306: Ripubblicazione del testo della legge 27 dicembre 2004, n. 306, concernente: «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, recante proroga o differimento di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di proroga di termini per l’esercizio di deleghe legislative», corredato delle relative note. (Legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale

Geologi.info