ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2006 - Geologi.info | Geologi.info

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2006

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2006 - Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3545). (GU n. 233 del 6-10-2006)

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2006
Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3545).

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
17 febbraio 2006 con il quale e’ stato prorogato fino al 31 dicembre
2006 lo stato di emergenza in relazione alla situazione determinatasi
nel territorio dell’isola di Lampedusa e nelle prospicienti aree
marine; Vista l’ordinanza di protezione civile del 16 aprile 2004,
n. 3350, recante: «Disposizioni urgenti per fronteggiare l’emergenza
derivante dalla grave situazione di crisi ambientale determinatasi
nel territorio dell’isola di Lampedusa e nelle prospicienti aree
marittime»;
Vista l’ordinanza di protezione civile del 20 aprile 2006, n. 3516
recante: «Disposizioni urgenti per fronteggiare l’emergenza
determinatasi nel territorio dell’isola di Linosa e nelle
prospicienti aree marittime ed ulteriori disposizioni urgenti per
fronteggiare l’emergenza determinatasi nel territorio dell’isola di
Lampedusa»;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2
dicembre 2005, concernente la dichiarazione di «grande evento» nel
territorio della provincia di Varese in occasione dei «Campionati del
Mondo di ciclismo su strada 2008»;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3514
del 19 aprile 2006 recante: «Interventi conseguenti alla
dichiarazione di «grande evento» nel territorio della provincia di
Varese per garantire il regolare svolgimento dei «Campionati del
Mondo di ciclismo su strada 2008»;
Visto l’art. 5, comma 2, dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3228 del 18 luglio 2002, recante:
«Disposizioni urgenti per fronteggiare l’emergenza idrica
verificatasi nel territorio dei comuni a sud di Roma serviti dal
Consorzio per l’acquedotto del Simbrivio»;
Visto l’art. 2, comma 2, dell’ordinanza n. 3454 del 29 luglio 2005
;
Vista la nota del Commissario delegato per l’emergenza idrica nel
territorio dei Comuni serviti dal Consorzio per l’acquedotto del
Simbrivio in data 24 luglio 2006;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4
agosto 2006 con il quale e’ stato dichiarato fino al 31 dicembre 2008
lo stato d’emergenza nella citta’ di Roma nel settore del traffico e
della mobilita’;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28
ottobre 2005 con il quale e’ stato dichiarato lo stato di emergenza a
seguito degli eventi alluvionali che hanno colpito il territorio
delle province di Bari e Brindisi nei giorni 22 e 23 ottobre 2005;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con il
quale e’ stato dichiarato lo stato di emergenza nel territorio della
provincia di Vibo Valentia colpito dagli eventi alluvionali del
giorno 3 luglio 2006;
Visto l’art. 13 dell’ordinanza di protezione civile n. 3491 del 25
gennaio 2006;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18
luglio 2003, n. 3303, recante: «Disposizioni urgenti di protezione
civile per fronteggiare la grave situazione di emergenza
socio-ambientale nel territorio delle province di L’Aquila e Teramo
interessato dagli interventi necessari alla messa in sicurezza del
Sistema Gran Sasso»;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3419
del 24 marzo 2005, recante: «Interventi urgenti di protezione civile
diretti a fronteggiare la situazione di pericolo in atto nei
territori dei comuni di Ancona e Orbetello»;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3450
del 16 luglio 2005, recante: «Primi interventi urgenti di protezione
civile diretti a fronteggiare la situazione emergenziale inerente ai
gravi dissesti idrogeologici con conseguenti movimenti franosi in
atto nei territori dei comuni di Naro e di Agrigento»;
Visto l’art. 19, comma 2, dell’ordinanza di protezione civile n.
3536 del 28 luglio 2006, con il quale, allo scopo di assicurare ogni
necessaria azione finalizzata al conseguimento delle finalita’ di cui
al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 luglio
2006 concernente, tra l’altro, il coordinamento dei grandi eventi di
cui al decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343 convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401, la Presidenza del
Consiglio dei Ministri e’ autorizzata ad attribuire un incarico di
funzione dirigenziale di livello generale con funzioni vicarie, ex
art. 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in
deroga ai limiti percentuali ivi previsti a personale altamente
qualificato da assegnare al Dipartimento della protezione civile;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
31 agosto 2006, concernente la dichiarazione di «Grande evento» in
relazione al pellegrinaggio – incontro dei giovani italiani
denominato «Agora’ dei giovani italiani» che si terra’ a Loreto, in
provincia di Ancona, nei mesi di agosto e settembre 2007;
Visto l’art. 16 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3485 del 22 dicembre 2005;
Visto l’art. 12 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3506 del 23 marzo 2006;
Visto l’art. 9 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3520 del 2 maggio 2006;
Visti l’art. 6 e l’art. 10 dell’ordinanza di protezione civile n.
3536 del 28 luglio 2006;
Vista la nota del 19 settembre 2006 del presidente della regione
Puglia;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
7 luglio 2006, con il quale sono stati prorogati, fino al 31 gennaio
2006, gli stati di emergenza in relazione agli eventi alluvionali ed
ai dissesti idrogeologici verificatisi nella regione Campania;
Vista la nota del 28 luglio 2006 del presidente della regione
Campania – Commissario delegato per l’emergenza idrogeologica nella
regione Campania;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
1° giugno 2006, con il quale e’ stato prorogato, fino al 31 gennaio
2007, lo stato di emergenza nel settore dei rifiuti, nonche’ in
materia di bonifica dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati,
e di tutela delle acque superficiali della regione Campania;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3341 del 27 febbraio 2004, n. 3343 del 12 marzo 2004, n. 3345 del 30
marzo 2004, n. 3347 del 2 aprile 2004, n. 3354 del 7 maggio 2004 art.
1, comma 2, n. 3361 in data 8 luglio 2004 art. 5, n. 3369 del 13
agosto 2004, n. 3370 del 27 agosto 2004, n. 3379 del 5 novembre 2004
art. 8, n. 3382 del 18 novembre 2004 art. 8, n. 3390 del 29 dicembre
2004 art. 2, n. 3397 del 28 gennaio 2005 art. 1, n. 3399 del 18
febbraio 2005 art. 6, n. 3417 del 24 marzo 2005, n. 3429 del 29
aprile 2005 art. 6, n. 3443 del 15 giugno 2005 art. 9, n. 3449 del 15
luglio 2005 art. 2, comma 1, n. 3469 del 13 ottobre 2005 art. 5,
comma 6, n. 3479 del 14 dicembre 2005, n. 3481 del 19 dicembre 2005,
n. 3491 del 25 gennaio 2006 articoli 13 e 15, n. 3493 in data 11
febbraio 2006, n. 3506 del 2006 art. 7, n. 3508 del 13 aprile 2006
art. 13, n. 3520 del 2 maggio 2006 art. 15, n. 3527 del 16 giugno
2006 art. 8, n. 3529 del 2006 e n. 3536 del 2006 art. 8, recanti
disposizioni urgenti per fronteggiare l’emergenza rifiuti nella
regione Campania;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
1° giugno 2006, con il quale lo stato di emergenza nel territorio
della regione Puglia in ordine alla crisi socio-economico ambientale
nel settore dei rifiuti urbani, speciali e speciali pericolosi ed in
quello delle bonifiche e’ stato, da ultimo, prorogato fino al 31
gennaio 2007;
Viste le ordinanze del Ministro dell’interno delegato al
coordinamento per la protezione civile n. 2450 del 27 giugno 1996, n.
2557 del 30 aprile 1997, n. 2622 del 4 luglio 1997, n. 2701 del 29
ottobre 1997, n. 2776 del 31 marzo 1998, n. 2985 del 31 maggio 1999,
n. 3045 del 3 marzo 2000, n. 3077 del 4 agosto 2000, n. 3184 del 22
marzo 2002 e n. 3271 del 12 marzo 2003 e successive integrazioni;
Vista la nota del 21 settembre 2006, con cui il Commissario
delegato presidente della regione Puglia ha rappresentato la
necessita’ di disporre di ulteriori risorse finanziarie al fine di
porre in essere ogni utile azione di carattere emergenziale per
fronteggiare la situazione di elevato rischio di carattere igienico –
ambientale nell’area dei comuni della provincia di Lecce;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
26 novembre 2004, concernente la dichiarazione dello stato di
emergenza in ordine agli eventi sismici verificatisi nel territorio
della provincia di Brescia nella notte del 24 novembre 2004;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
2 dicembre 2005, concernente la proroga dello stato di emergenza in
ordine agli eventi sismici verificatisi nel territorio della
provincia di Brescia nella notte del 24 novembre 2004;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10
dicembre 2004, n. 3385 recante «Primi interventi urgenti conseguenti
agli eventi sismici che hanno colpito il territorio della provincia
di Brescia nella notte del 24 novembre 2004»;
Vis…

[Continua nel file zip allegato]

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2006

Geologi.info