MINISTERO DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 2 ottobre 2006 - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 2 ottobre 2006

MINISTERO DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 2 ottobre 2006 - Invito alla presentazione di progetti di ricerca industriale, sviluppo precompetitivo, formazione nel settore precompetitivo, formazione nel settore della biomedicina molecolare da realizzarsi nella regione Friuli-Venezia Giulia. (GU n. 235 del 9-10-2006)

MINISTERO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 2 ottobre 2006

Invito alla presentazione di progetti di ricerca industriale,
sviluppo precompetitivo, formazione nel settore precompetitivo,
formazione nel settore della biomedicina molecolare da realizzarsi
nella regione Friuli-Venezia Giulia.

IL DIRETTORE GENERALE
per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca

Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito nella
legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo, tra l’altro, del Ministero
dell’universita’ e della ricerca (di seguito MUR);
Viste le linee guida per la politica scientifica, tecnologica del
Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002, che hanno posto, quale
obiettivo dell’asse IV, la promozione della capacita’ d’innovazione
nelle imprese attraverso la creazione d’aggregazioni sistemiche a
livello territoriale; cio’ al fine di favorire una maggiore
competitivita’ delle aree produttive esistenti ad alta intensita’ di
export, rivitalizzandole e rilanciandole attraverso la ricerca e lo
sviluppo di tecnologie chiave abilitanti le innovazioni di prodotto,
di processo ed organizzative;
Considerato che, a tale scopo, le linee-guida individuano, tra gli
strumenti d’attuazione, lo sviluppo di azioni concertate da tradursi
in specifici accordi di programma con le regioni mirati a realizzare
sinergie nei programmi e complementarieta’ finanziarie;
Visto il protocollo d’intesa, sottoscritto in data 21 novembre
2003, tra il Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca e la regione Friuli Venezia-Giulia per la realizzazione
nell’area regionale di un distretto tecnologico nel settore della
biomedicina molecolare;
Visto l’Accordo di programma (di seguito denominato «Accordo»)
siglato in data 5 ottobre 2004 tra il Ministero dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca e la regione Friuli Venezia-Giulia,
finalizzato alla creazione di un’area di eccellenza tecnologica
(distretto tecnologico) avente ad oggetto la biomedicina molecolare,
registrato alla Corte dei conti in data 18 settembre 2006;
Visto, in particolare, l’art. 4, del predetto Accordo che prevede
l’impegno del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca a finanziare progetti aventi ad oggetto attivita’ di ricerca
industriale e sviluppo precompetitivo nel settore della biomedicina
molecolare da realizzarsi nell’area territoriale della regione Friuli
Venezia-Giulia;
Visti, altresi’, i commi 2 e 3 del richiamato art. 4 del predetto
Accordo che, per le modalita’ di presentazione, selezione e
finanziamento dei predetti progetti, prevede l’emanazione da parte
del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca di
appositi bandi tematici ai sensi del decreto legislativo 27 luglio
1999, n. 297, e delle relative disposizioni di attuazione contenute
nel decreto ministeriale n. 593 dell’8 agosto 2000;
Visto, inoltre, l’art. 5 del predetto Accordo che prevede un
impegno complessivo di risorse, ove disponibili, del Ministero
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca pari, per ciascuno
degli anni 2005, 2006, 2007, a 5 milioni di euro;
Visto il decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297 (pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 201 del 27 agosto 1999), recante:
«Riordino della disciplina e snellimento delle procedure per il
sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione
delle tecnologie, per la mobilita’ dei ricercatori» e, in
particolare, l’art. 5 il quale prevede che tutti gli interventi da
esso disciplinati gravino sulle risorse del Fondo per le agevolazioni
alla ricerca (FAR), istituito nello stato di previsione del Ministero
dell’universita’ e della ricerca;
Visto il decreto ministeriale n. 593 dell’8 agosto 2000, recante
le: «Modalita’ procedurali per la concessione delle agevolazioni
previste dal decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297», pubblicato
nel supplemento ordinario n. 10 alla Gazzetta Ufficiale n. 14 del
18 gennaio 2001;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del
10 ottobre 2003 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 274 del
25 novembre 2003) che reca i nuovi criteri e le modalita’ di
concessione, ai sensi dell’art. 72 della legge 27 dicembre 2002, n.
289, delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo
per le agevolazioni alla ricerca;
Viste le disponibilita’ del Fondo per le agevolazioni alla ricerca
per l’anno 2006;
Acquisite le valutazioni, ai sensi dell’art. 4, comma 4, del
richiamato Accordo, aventi ad oggetto i contenuti dei predetti bandi
tematici, trasmesse dal Consorzio di biomedicina molecolare, di cui
all’art. 8 dell’Accordo, e dalla regione Friuli Venezia-Giulia,
rispettivamente in data 30 maggio 2005 e 19 luglio 2005;
Viste le note del 20 settembre 2006 e del 28 settembre 2006, con le
quali, rispettivamente, il predetto Consorzio CBM e la regione Friuli
Venezia-Giulia, relativamente all’emanazione del presente bando,
hanno indicato l’opportunita’ di riservare 3 dei 10 milioni di euro
previsti per il biennio 2005-2006, alla creazione di spin-off
nell’area del distretto tecnologico di cui al richiamato Accordo;
Ritenuta la opportunita’ di procedere, per l’attuazione degli
interventi indicati nel richiamato Accordo di programma, all’adozione
del decreto di cui all’art. 12 del decreto ministeriale n. 593
dell’8 agosto 2000, per un impegno di risorse del FAR pari a 10
milioni di euro, di cui 3 milioni di euro riservati al finanziamento
di progetti da presentarsi, nelle stesse tematiche, ai sensi e per le
finalita’ di cui all’art. 11 del predetto decreto ministeriale n.
593/2000;
Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modifiche ed integrazioni;
Decreta:

Art. 1.
Obiettivi generali

1. Le linee-guida per la politica scientifica, tecnologica del
Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002 hanno posto quale
obiettivo dell’asse IV, la promozione della capacita’ d’innovazione
nelle imprese attraverso la creazione d’aggregazioni sistemiche a
livello territoriale; cio’ al fine di favorire una maggiore
competitivita’ delle aree produttive esistenti ad alta intensita’ di
export, rivitalizzandole e rilanciandole attraverso la ricerca e lo
sviluppo di tecnologie chiave abilitanti le innovazioni di prodotto,
di processo ed organizzative.
2. A tale scopo le linee-guida individuano, tra gli strumenti di
attuazione, lo sviluppo di azioni concertate da tradursi in specifici
accordi di programma mirati a realizzare sinergie nei programmi e
complementarieta’ finanziarie.
3. In tale ambito il Ministero dell’Universita’ e della ricerca –
MUR attribuisce particolare priorita’ ad interventi finalizzati alla
realizzazione di distretti ad alta tecnologia, attraverso accordi di
programma che prevedono la partecipazione congiunta di regioni, enti
locali, finanza innovativa, mondo delle imprese, mondo scientifico.
4. Il territorio della regione Friuli Venezia-Giulia presenta
elementi di notevole rilevanza, quali:
l’esistenza nell’area regionale delle condizioni di base
industriali e tecnico-scientifiche per realizzare un distretto
tecnologico di successo nell’ambito della biomedicina molecolare;
l’esistenza di punti di forza nelle Universita’, nei centri di
ricerca (privati e pubblici), nelle numerose imprese di produzione e
di servizi di grande qualificazione e di grande tradizione che ha
gia’ dimostrato di saper generare innovazioni mirate e specifiche e
di saper alimentare anche un processo sul sistema imprenditoriale
locale;
la presenza di imprese strettamente classificate o riconducibili
al comparto della biomedicina molecolare con caratteristiche di alto
livello qualitativo;
la presenza di un rilevante complesso di organismi e competenze
di eccellenza nel sistema tecnico-scientifico, sia all’interno delle
imprese che all’esterno, laboratori specialistici di Enti pubblici di
ricerca e di enti privati.
5. In tale quadro il MUR e la regione Friuli Venezia-Giulia hanno
concordato sulla necessita’ di adottare una strategia condivisa per
svolgere, nei settori scientifici e tecnologici predetti, interventi
e azioni mirate al sostegno di attivita’ di ricerca, all’incremento
del grado di innovazione delle imprese, alla valorizzazione del
capitale umano e delle iniziative che promuovano il collegamento alle
imprese e centri tecnologici connessi con le universita’ ed i centri
di ricerca.
6. Per il perseguimento di tali obiettivi, il MUR e la regione
Friuli Venezia-Giulia hanno tra l’altro concordato:
a) di destinare un importo pari a 7 milioni di euro al sostegno
di specifici progetti che ricomprendano attivita’ di ricerca
industriale, di sviluppo precompetitivo e di alta formazione di
personale qualificato, selezionati e finanziati ai sensi delle
disposizioni dell’art. 12 del decreto ministeriale n. 593
dell’8 agosto 2000, e successive modifiche ed integrazioni,
(attuativo delle norme del decreto legislativo n. 297 del 27 luglio
1999, nonche’
b) di destinare 3 milioni di euro al sostegno di progetti di
ricerca, nelle stesse tematiche, finalizzati alla creazione di nuove
imprese ad alto contenuto tecnologico, selezionati e finanziati ai
sensi dell’art. 11 del predetto decreto n. 593/2000.
7. Attraverso tali progetti, si intendono promuovere le attivita’
rivolte …

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 2 ottobre 2006

Geologi.info