MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 23 luglio 2009 - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 23 luglio 2009

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 23 luglio 2009 - Prolungamento dei termini per la presentazione dei programmi definitivi del bando relativo al progetto di innovazione industriale «Nuove tecnologie per il Made in Italy». (09A09732) (GU n. 184 del 10-8-2009 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 23 luglio 2009

Prolungamento dei termini per la presentazione dei programmi
definitivi del bando relativo al progetto di innovazione industriale
«Nuove tecnologie per il Made in Italy». (09A09732)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO
Visto l’art. 1, comma 841 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che
ha istituito il Fondo per la competitivita’ e lo sviluppo;
Visto l’art. 1, comma 842 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che
prevede la realizzazione di progetti di innovazione industriale
nell’ambito di specifiche aree tecnologiche;
Vista la disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato a
favore di ricerca, sviluppo e innovazione (2006/C 323/01);
Visto l’art. 1, comma 845 della citata legge n. 296/2006, che
prevede che il Ministro dello sviluppo economico, con proprio
decreto, istituisca appositi regimi di aiuto in conformita’ alla
normativa comunitaria;
Visto il decreto interministeriale dell’8 febbraio 2008 con il
quale le risorse del Fondo per la competitivita’ e lo sviluppo
destinate ai progetti di innovazione industriale sono state ripartite
tra le aree tecnologiche indicate all’art. 1, comma 842 della citata
legge n. 296/2006;
Visto il decreto interministeriale del 6 marzo 2008 con il quale e’
stato adottato il progetto di innovazione industriale «Nuove
tecnologie per il Made in Italy» ed e’ stato, tra l’altro, stabilito
che le risorse del Fondo per la competitivita’ e lo sviluppo sono
destinate, oltre che alle incentivazioni finanziarie in attuazione
dell’Azione strategica di innovazione ivi prevista, anche
all’attuazione delle Azioni connesse;
Vista la decisione della Commissione europea C(2007) 6461 del 12
dicembre 2007 – Aiuto di Stato n. 302/2007, con la quale e’ stato
autorizzato il regime di aiuto per la concessione di agevolazioni in
favore di programmi di ricerca, sviluppo e innovazione;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 27 marzo
2008 con il quale e’ stato istituito, ai sensi del citato art. 1,
comma 845 della legge n. 296/2006, il predetto regime di aiuto;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10
luglio 2008, con il quale e’ stato emanato il bando relativo al
citato progetto di innovazione industriale «Nuove tecnologie per il
Made in Italy» e sono stati stabiliti condizioni, criteri e modalita’
per la concessione di agevolazioni a favore di programmi di ricerca e
sviluppo, destinando alle finalita’ del bando medesimo l’importo di
190.000.000 di euro;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 1°
agosto 2008, con il quale e’ stata estesa l’ammissibilita’ alle
agevolazioni ad alcuni codici di attivita’ economica individuati
nell’ambito della classificazione ISTAT 2007;
Visto l’art. 9, comma 6 del citato bando, che, in conformita’ a
quanto previsto all’art. 6, comma 4 del decreto interministeriale del
6 marzo 2008 di adozione del progetto di innovazione industriale di
riferimento, prevede che la valutazione dei programmi sia svolta dal
Ministero, attraverso un comitato di esperti appositamente
costituito, nel caso in cui, al momento dell’avvio della fase di
valutazione, non sia pienamente operativa l’Agenzia per la diffusione
delle tecnologie per l’innovazione;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 30 marzo
2009, con il quale, preso atto del mancato avvio operativo della
predetta Agenzia, e’ stato costituito un Comitato di esperti per
l’espletamento delle attivita’ di istruttoria e valutazione relative
alla prima fase prevista dall’art. 9 del citato decreto del Ministro
dello sviluppo economico del 10 luglio 2008;
Visti i decreti del Ministro dello sviluppo economico del 30 marzo,
del 10 aprile e del 16 giugno 2009 con i quali sono stati nominati i
componenti del predetto Comitato di esperti;
Visti i risultati della valutazione effettuata dal Comitato di
esperti;
Visto l’art. 9, comma 5 del citato bando, ai sensi del quale il
Ministero dello sviluppo economico, comunica ai «referenti del
programma» l’esito motivato della valutazione, comprensivo delle
indicazioni tecniche eventualmente formulate dall’Agenzia e pubblica
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana l’elenco delle
domande ammesse alla presentazione dei programmi definitivi;
Visto l’art. 10, comma 1 del predetto bando, ai sensi del quale i
programmi definitivi sono presentati, entro 60 giorni dalla
pubblicazione dell’elenco di cui all’art. 9, comma 5, pena la
decadenza, in conformita’ allo schema di domanda di cui all’allegato
n. 3;
Considerato che il predetto bando prevede la possibilita’ di
ampliare il partenariato originariamente proposto, prima della
presentazione dei programmi definitivi;
Ritenuto opportuno, in relazione alla circostanza predetta, al fine
di favorire la piu’ ampia collaborazione ed integrazione tra le
imprese, concedere un prolungamento dei tempi per la presentazione
dei programmi definitivi;
Decreta:
Articolo unico
L’art. 10, comma 1 del decreto del Ministro dello sviluppo
economico del 10 luglio 2008 e’ modificato nel modo seguente:
I programmi definitivi sono presentati, entro 90 giorni dalla
pubblicazione dell’elenco di cui all’art. 9, comma 5, pena la
decadenza, in conformita’ allo schema di domanda di cui all’allegato
n. 3. Alla domanda, sottoscritta dai legali rappresentanti di tutti i
soggetti richiedenti, e’ allegata la proposta tecnica del programma
definitivo, redatto, anche in lingua inglese, secondo lo schema di
cui all’allegato n. 4, nonche’ la documentazione indicata
nell’allegato n. 5. Nella domanda deve essere indicata la banca alla
quale dovranno essere erogate le agevolazioni in base a quanto
stabilito all’art. 12, comma 4.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 23 luglio 2009
Il Ministro : Scajola

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 23 luglio 2009

Geologi.info