MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 3 settembre 2003: Rideterminazione dei termini connessi ai nuovi termini delle definizioni agevolate degli adempimenti tributari, in attuazione dell'art. 1, comma 2, quarto periodo, del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto 2003, n. 212. (GU n. 207 del 6-9-2003)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 3 settembre 2003

Rideterminazione dei termini connessi ai nuovi termini delle
definizioni agevolate degli adempimenti tributari, in attuazione
dell’art. 1, comma 2, quarto periodo, del decreto-legge 24 giugno
2003, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto
2003, n. 212.

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO
per le politiche fiscali
Visto l’art. 1, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 24 giugno
2003, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto
2003, n. 212, il quale ha disposto, tra l’altro, che i contribuenti
che non hanno effettuato, anteriormente alla data in entrata in
vigore del medesimo decreto, versamenti utili per la definizione
degli adempimenti e degli obblighi tributari di cui agli articoli 7,
8, 9, 9-bis, 11, comma 4, 12, 14, 15 e 16 della legge 27 dicembre
2002, n. 289, come modificata dall’art. 5-bis del decreto-legge 24
dicembre 2002, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge
21 febbraio 2003, n. 27, nonche’ di cui agli articoli 5 e 5-quinquies
del citato decreto-legge n. 282 del 2002, possono provvedervi entro
il 16 ottobre 2003;
Visto il quarto periodo del medesimo art. 1, comma 2, del citato
decreto-legge n. 143 del 2003, il quale prevede, tra l’altro, che gli
ulteriori termini connessi, contenuti nelle predette disposizioni
sono rideterminati con decreto del Ministero dell’economia e delle
finanze;
Ritenuto che occorre, pertanto, disporre una rideterminazione dei
connessi termini previsti dalla legge n. 289 del 2002 e dal
decreto-legge n. 282 del 2002;
Decreta:
Art. 1.
1. Sono rideterminati al 17 ottobre 2003, i termini di decorrenza
degli interessi legali relativi ai versamenti rateali, di cui agli
articoli 7, comma 5, ottavo periodo, 8, comma 3, quinto periodo, 9,
commi 12, primo periodo, e 17, terzo periodo, 9-bis, comma 1, secondo
periodo, e 15, comma 5, secondo periodo, della legge 27 dicembre
2002, n. 289, come modificata dall’art. 5-bis del decreto-legge 24
dicembre 2002, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 21
febbraio 2003, n. 27.
2. Per i contribuenti che provvedono, in base alle disposizioni
dell’art. 1, comma 2, del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 143,
convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto 2003, n. 212, ad
effettuare, entro il 16 ottobre 2003, versamenti utili per la
definizione degli adempimenti e degli obblighi tributari di cui agli
articoli 7, 8, 9, 9-bis, 11, comma 4, 12, 14, 15 e 16 della legge 27
dicembre 2002, n. 289, come modificata dall’art. 5-bis del
decreto-legge 24 dicembre 2002, n. 282, convertito, con
modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2003, n. 27, gli ulteriori
termini connessi, contenuti nelle medesime disposizioni, sono
rideterminati al:
a) 23 ottobre 2003, il termine per il riversamento da parte dei
soggetti convenzionati di quanto dovuto in base alla dichiarazione
integrativa riservata, di cui all’art. 8, comma 4, secondo periodo;
b) 17 novembre 2003, i termini per la comunicazione, da parte di
societa’ di persone e associazioni, alle persone fisiche titolari dei
redditi prodotti in forma associata, dell’avvenuta definizione, di
cui, rispettivamente, agli articoli 7, comma 10, primo periodo, e 8,
comma 11, primo periodo;
c) 16 gennaio 2004, il termine per il perfezionamento della
definizione da parte delle persone fisiche titolari di redditi
prodotti in forma associata, di cui agli articoli 7, comma 10,
secondo periodo, e 8, comma 11, secondo periodo; per i medesimi
soggetti, sono altresi’ rideterminati al 1° marzo 2004 e al 30 giugno
2004, i termini per il versamento delle due rate di pari importo, di
cui agli articoli 7, comma 5, ottavo periodo, e 8, comma 3, quinto
periodo, e i relativi importi sono maggiorati degli interessi legali
a decorrere dal 17 gennaio 2004;
d) 21 ottobre 2003, il termine per la presentazione della domanda
di definizione delle liti fiscali, di cui all’art. 16, comma 4.
3. Per i contribuenti che provvedono, in base alle disposizioni
dell’art. 1, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 24 giugno
2003, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto
2003, n. 212, ad effettuare, entro il 16 ottobre 2003, versamenti
utili per la definizione degli adempimenti e degli obblighi tributari
di cui all’art. 5-quinquies del decreto-legge 24 dicembre 2002, n.
282, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2003, n.
27, il termine per il pagamento al concessionario della tassa
automobilistica erariale in caso di notifica di cartella di
pagamento, di cui al comma 2 del medesimo articolo, e’ rideterminato
al 27 ottobre 2003.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 3 settembre 2003
Il Capo del Dipartimento: Manzitti

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Geologi.info