MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 21 luglio 2008 - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 21 luglio 2008

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 21 luglio 2008 - Aggiornamento dei diritti aeroportuali. (GU n. 247 del 21-10-2008 )

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 21 luglio 2008

Aggiornamento dei diritti aeroportuali.

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE
E DEI TRASPORTI

Vista la legge 5 maggio 1976, n. 324, con cui il movimento degli
aeromobili privati e delle persone, negli aeroporti nazionali aperti
al traffico aereo civile, e’ stato assoggettato al pagamento dei
diritti di approdo, di partenza e di sosta o ricovero per gli
aeromobili e del diritto di imbarco per i passeggeri;
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, con cui sono stati fissati
i parametri sui quali articolare la determinazione dei livelli
tariffari e viene assegnata al CIPE la competenza di individuarne i
criteri attuativi;
Visto il decreto interministeriale n. 140 T del 14 novembre 2000,
con cui sono stati aggiornati i diritti aeroportuali con i tassi di
inflazione programmata previsti fino all’anno 2000;
Visto il comma 1 dell’art. 11-nonies della legge 2 dicembre 2005,
n. 248 che ha sostituito il comma 10 dell’art. 10 della predetta
legge 24 dicembre 1993, n. 537, ed ha stabilito che «la misura dei
diritti aeroportuali di cui alla legge 5 maggio 1976, n. 324, e’
determinata per i singoli aeroporti, sulla base di criteri stabiliti
dal CIPE, con decreti del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze»;
Visto il comma 2, dell’art. 11-decies della legge 2 dicembre 2005,
n. 248, che ha stabilito che «Fino alla determinazione dei diritti
aeroportuali di cui alla legge 5 maggio 1976, n. 324, secondo le
modalita’ previste nel comma 10, dell’art. 10 della legge 24 dicembre
1993, n. 537, come sostituito dall’art. 11-nonies del presente
decreto, la misura dei diritti aeroportuali attualmente in vigore e’
ridotta in misura pari all’importo della riduzione dei canoni
demaniali di cui al comma 1 del presente articolo. Detta misura e’
ulteriormente ridotta del 10 per cento per i gestori che non adottano
un sistema di contabilita’ analitica, certificato da societa’ di
revisione contabile, che consenta l’individuazione, per tutti i
servizi offerti, dei ricavi e dei costi di competenza afferenti a
ciascun singolo servizio»;
Considerato che, in attuazione del predetto comma 1 dell’art.
11-nonies del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito,
con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248 il CIPE, con
delibera n. 38/2007, ha approvato la «direttiva in materia di
regolazione tariffaria dei servizi aeroportuali offerti in regime di
esclusiva»;
Considerato che la sentenza della Corte costituzionale n. 51 del
2008 ha ravvisato l’illegittimita’ costituzionale dell’art. 11-nonies
del decreto-legge n. 203 del 2005, convertito, con modificazioni,
dalla legge n. 248 del 2005, nella parte in cui non prevede che,
prima dell’adozione della delibera CIPE, sia acquisito il parere
della Conferenza unificata;
Considerato che e’ stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del
3 giugno 2008 la delibera del CIPE n. 51 che apporta talune modifiche
alla precedente delibera n. 38/2007;
Considerato che e’ in corso di preparazione il decreto
interministeriale, tra il Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti e il Ministro dell’economia e finanze, approvativo delle
linee guida applicative della predetta delibera;
Considerato che per la piena attuazione dei contenuti della
predetta delibera occorre la previa stipula, per ciascun aeroporto,
di un contratto di programma tra ENAC e Gestore aeroportuale;
Visto l’art. 21-bis del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248,
convertito dalla legge n. 31 del 28 febbraio 2008, che ha stabilito
che «fino all’emanazione dei decreti di cui al comma 10 dell’art. 10
della legge 24 dicembre 1993, n. 537, come da ultimo sostituito dal
comma 1 dell’art. 11-nonies del decreto-legge 30 settembre 2005, n.
203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n.
248, da adottare entro il 31 dicembre 2008, il Ministro dei trasporti
provvede, con proprio decreto, all’aggiornamento della misura dei
diritti aeroportuali al tasso di inflazione programmato»;
Vista l’istruttoria effettuata dall’ENAC e trasmessa con nota n.
0034801/DIRGEN/CEC del 3 giugno 2008 e 0043203/DIRGEN/CEC
dell’8 luglio 2008;
Considerato che in ottemperanza all’art. 11-decies, comma 2 della
legge n. 248/2005 l’istruttoria redatta dall’ENAC ha previsto una
riduzione del 10% del livello dei diritti negli aeroporti di Albenga,
Asiago, Crotone, Lucca, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Vicenza i cui
gestori non hanno adottano un sistema di contabilita’ analitica,
certificato da societa’ di revisione contabile;
Considerato che, negli aeroporti che hanno avuto un esiguo traffico
commerciale nell’anno 2006, l’applicazione dell’art. 11-decies della
legge n. 248/2005 avrebbe condotto a tariffe aeroportuali inferiori
allo zero e che, pertanto, per tali aeroporti le tariffe sono state
poste pari a zero;

Decreta:

Art. 1.

La misura dei diritti aeroportuali di cui al decreto ministeriale
n. 140 T del 14 novembre 2000, modificata sulla base di quanto
disposto dall’art. 11-decies della legge 2 dicembre 2005, n. 248, e’
aggiornata per tener conto dell’inflazione programmata relativa
all’anno 2008 che, nel documento di programmazione economico e
finanziaria, e’ prevista pari a 1,7%.

Art. 2.

La nuova misura dei diritti aeroportuali, determinati sulla base
dell’art. 1, e’ riportata, per ogni singolo aeroporto, nell’allegato
1, che forma parte integrante del presente decreto, e restera’ in
vigore fino all’emanazione dei decreti di cui al comma 10 dell’art.
10 della legge 24 dicembre 1993, n. 537, come da ultimo sostituito
dal comma 1 dell’art. 11-nonies del decreto-legge 30 settembre 2005,
n. 248.

Art. 3.

Il presente decreto verra’ sottoposto al visto degli Organi di
controllo ed entrera’ in vigore a partire dal trentesimo giorno
successivo alla data di pubblicazione.
Roma, 21 luglio 2008
Il Ministro: Matteoli
Registrato alla Corte dei conti il 22 settembre 2008
Ufficio di controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto
del territorio, registro n. 9, foglio n. 62

Allegato 1

—-> Vedere a pag. 21 <----

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 21 luglio 2008

Geologi.info