MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 5 dicembre 2005 - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 5 dicembre 2005

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 5 dicembre 2005 - Determinazione delle modalita' per la vendita sul mercato, per l'anno 2006, dell'energia elettrica, di cui all'articolo 3, comma 12, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, da parte del Gestore del sistema elettrico - GRTN S.p.a. (GU n. 296 del 21-12-2005)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 5 dicembre 2005

Determinazione delle modalita’ per la vendita sul mercato, per l’anno
2006, dell’energia elettrica, di cui all’articolo 3, comma 12, del
decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, da parte del Gestore del
sistema elettrico – GRTN S.p.a.

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, e sue modifiche
e integrazioni (di seguito: il decreto legislativo n. 79/1999), ed in
particolare l’art. 3, comma 12, che prevede che il Ministro
dell’industria, del commercio e dell’artigianato, con proprio
provvedimento, determina la cessione dei diritti e delle obbligazioni
relative all’acquisto di energia elettrica, comunque prodotta da
altri operatori nazionali, da parte dell’Enel S.p.a. al Gestore della
rete di trasmissione nazionale S.p.a.;
Visti altresi’ gli articoli 1, comma 2, e 3, commi 2 e 4 del
decreto legislativo n. 79/1999, che prevedono che gli indirizzi
strategici ed operativi del Gestore della rete di trasmissione
nazionale S.p.a. sono definiti dal Ministro delle attivita’
produttive;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 21 gennaio 2000, concernente l’assunzione della
titolarita’ e delle funzioni da parte del Gestore della rete di
trasmissione nazionale S.p.a. a decorrere dal 1° aprile 2000;
Viste le ordinanze della Presidenza del Consiglio dei Ministri,
Dipartimento della protezione civile 12 giugno 2000, n. 3060 e
6 luglio 2000, n. 3062;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 21 novembre 2000, emanato in attuazione
dell’art. 3, comma 12, del citato decreto legislativo n. 79/1999,
concernente la cessione dei diritti e delle obbligazioni relativi
all’acquisto di energia elettrica prodotta da altri operatori
nazionali, da parte dell’Enel S.p.a. al Gestore della rete di
trasmissione nazionale S.p.a., come integrato e modificato dal
decreto del Ministro delle attivita’ produttive del 10 dicembre 2001;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive
19 dicembre 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 301 del
30 dicembre 2003, concernente l’assunzione della titolarita’ delle
funzioni di garante della fornitura dei clienti vincolati da parte
della societa’ Acquirente unico a decorrere dal 1° gennaio 2004 e
direttive alla medesima societa’, ed in particolare l’art. 3,
relativo alle modalita’ di approvvigionamento previste al fine di
assicurare la copertura della domanda minimizzando i costi ed i
rischi di approvvigionamento, tra cui rientra la partecipazione della
stessa societa’ alle procedure per l’assegnazione di capacita’
produttiva per l’acquisto dell’energia elettrica di cui all’art. 3,
comma 12, del decreto legislativo n. 79/1999, secondo modalita’ e
quote di capacita’ produttiva stabilite con decreto del Ministro
delle attivita’ produttive;
Visto il decreto ministeriale 19 dicembre 2003, pubblicato nel
supplemento ordinario n. 199 alla Gazzetta Ufficiale n. 301 del 30
dicembre 2003, concernente l’approvazione del testo integrato della
disciplina del mercato elettrico e l’assunzione di responsabilita’
del gestore del mercato elettrico S.p.a. relativamente al mercato
elettrico a decorrere dall’8 gennaio 2004;
Visto il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 (di seguito:
il decreto legislativo n. 387/2003);
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
11 maggio 2004, concernente criteri, modalita’ e condizioni per
l’unificazione della proprieta’ e della gestione della rete elettrica
nazionale di trasmissione, e in particolare l’art. 1, comma 1,
lettera a), secondo il quale beni, rapporti giuridici e personale
afferenti alle funzioni di cui all’art. 3, commi 12 e 13, e di cui
all’art. 11, comma 3, del decreto legislativo n. 79/1999, nonche’ le
attivita’ correlate di cui al decreto legislativo n. 387/2003,
rimangono in capo al Gestore della rete di trasmissione nazionale
anche a seguito dell’unificazione della proprieta’ e della gestione
della rete;
Vista la legge 23 agosto 2004, n. 239 (di seguito: la legge n.
239/2004), concernente il riordino del settore energetico, nonche’
delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in
materia di energia;
Vista la nota del Ministro delle attivita’ produttive 22 dicembre
2004 recante «Indirizzi alle societa’ Gestore della rete di
trasmissione nazionale S.p.a., Gestore del mercato elettrico S.p.a. e
Acquirente unico S.p.a., ai fini della partecipazione attiva della
domanda al Sistema Italia 2004» che dispone che, a decorrere dal
31 dicembre 2004, e’ possibile, per gli operatori ammessi alle
contrattazioni sul sistema delle offerte di cui all’art. 5 del
decreto legislativo n. 79/1999, la formulazione attiva di offerte di
acquisto di energia elettrica sul Mercato elettrico del giorno prima;
Vista la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas del 28 novembre 2005, n. 248/05, recanti misure urgenti in
materia di passaggio al mercato libero dell’energia elettrica;
Vista la lettera del Gestore del mercato elettrico S.p.a. del
24 novembre 2005, prot. GME/P2005001665, con cui vengono fornite
indicazioni sul prezzo medio di mercato dell’energia elettrica
scambiata nel sistema delle offerte;
Vista la lettera del Gestore del sistema elettrico-GRTN S.p.a. del
28 novembre 2005, prot. GRTN/P2005021677, con cui si indica in 5.600
MW la capacita’ produttiva relativa all’energia elettrica di cui
all’art. 3, comma 12, del decreto legislativo n. 79/1999 assegnabile
per l’anno 2006;
Considerato che, ai sensi delle disposizioni della legge n.
239/2004, dal 1° luglio 2004 hanno diritto alla qualifica di cliente
idoneo tutti i clienti finali non domestici;
Considerato che, a decorrere dal 1° novembre 2005, il Gestore della
rete di trasmissione nazionale ha cambiato denominazione sociale in
Gestore del sistema elettrico – GRTN S.p.a. (di seguito: Gestore del
sistema elettrico) e che in capo a detto soggetto, sulla base delle
disposizioni dell’art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri 11 maggio 2004, rimangono tra l’altro le funzioni di cui
all’art. 3, commi 12 e 13, del decreto legislativo n. 79/1999;
Considerato che, in base a quanto comunicato dal Gestore del
mercato elettrico S.p.a. con la citata lettera del 24 novembre 2005,
il prezzo medio di mercato, calcolato come media aritmetica nel
periodo 1° gennaio 2005 – 23 novembre 2005, e’ risultato pari a 57,71
euro/MWh e che detto periodo e’ ritenuto significativo in quanto, a
decorrere dal 31 dicembre 2004, e’ possibile la formulazione attiva
di offerte di acquisto di energia elettrica nel sistema delle offerte
di cui all’art. 5 del decreto legislativo n. 79/1999;
Considerato che, ai fini del collocamento nel sistema delle offerte
dell’energia elettrica ritirata ai sensi dei decreti ministeriali
sopra indicati, non e’ rilevante distinguere tra l’energia derivante
da capacita’ programmabile e quella derivante da capacita’ non
programmabile e che, pertanto, cosi’ come gia’ effettuato nelle
modalita’ di assegnazione adottate per l’anno 2005, potranno essere
adottate modalita’ omogenee per il collocamento dell’energia
complessivamente nella disponibilita’ del Gestore del sistema
elettrico;
Ritenuto necessario prevedere la partecipazione alla procedura di
assegnazione della citata energia dell’Acquirente unico S.p.a., nella
funzione di garante della fornitura dei clienti vincolati, per una
quota di energia che, rispetto all’assegnazione valida per l’anno
2005, tenga conto della sostanziale stabilita’ del mercato vincolato
nell’anno 2006 e delle modalita’ di assegnazione di cui al precedente
considerato;
Ritenuto opportuno definire condizioni di cessione che riflettano
il prezzo medio dell’energia elettrica come risultante dal sistema
delle offerte di cui all’art. 5 del decreto legislativo n. 79/1999,
mantenendo rispetto a tale prezzo condizioni di approvvigionamento
vantaggiose per gli operatori, senza incidere in maniera rilevante
sulle tariffe;
Ritenuto opportuno che, al fine di garantire maggiore
prevedibilita’ agli operatori, il prezzo di cessione sopra definito
debba essere costante in tutte le ore dell’anno 2006;
Ritenuto necessario prevedere il trasferimento dei diritti
assegnati tra il mercato libero e l’Acquirente unico S.p.a., nel caso
di passaggio dei clienti finali dal mercato libero al mercato
vincolato e viceversa;
Ritenuto necessario, al fine di minimizzare le revoche e le
rassegnazioni in corso d’anno, prevedere che i gestori di rete, in
cui ha sede il punto di prelievo dei singoli operatori che avanzano
richiesta di assegnazione, forniscano tempestivamente le
certificazioni necessarie per gli adempimenti del Gestore del sistema
elettrico secondo le modalita’ individuate del medesimo Gestore;
Ritenuto opportuno prevedere analoghe modalita’ di attuazione, per
quanto previsto dall’art. 3, comma 13, del decreto legislativo n.
79/1999 relativamente alla cessione, da parte del Gestore del sistema
elettrico S.p.a., dell’energia elettrica ritirata ai sensi del comma
3 dell’art. 22 della legge 9 gennaio 1991, n. 9, nonche’ di quella
prodotta da parte delle imprese produttrici-distributrici ai sensi
del titolo IV, lettera b) del provvedimento CIP n. 6/92, cedu…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 5 dicembre 2005

Geologi.info