MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 29 dicembre 2004: Graduatoria concernente il bando tematico territoriale, relativo alle aree depresse del centro-nord, ad esclusione di quelle ricadenti nella regione Lombardia, ai sensi dell'articolo 11 della direttiva del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato 16 gennaio 2001, recante le direttive per la concessione delle agevolazioni del Fondo speciale rotativo per l'innovazione tecnologica. (GU n. 7 del 11-1-2005)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 29 dicembre 2004

Graduatoria concernente il bando tematico territoriale, relativo alle
aree depresse del centro-nord, ad esclusione di quelle ricadenti
nella regione Lombardia, ai sensi dell’articolo 11 della direttiva
del Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato
16 gennaio 2001, recante le direttive per la concessione delle
agevolazioni del Fondo speciale rotativo per l’innovazione
tecnologica.

IL DIRETTORE GENERALE
per il coordinamento degli incentivi alle imprese

Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46, e successive modifiche;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 16 gennaio 2001, recante direttive per la
concessione delle agevolazioni del FIT, di cui all’art. 14 della
legge 17 febbraio 1982, n. 46;
Visto in particolare l’art. 11 delle precitate direttive del
16 gennaio 2001 che destina una quota non superiore al 30 per cento
delle risorse del FIT all’incentivazione di programmi di rilevante
interesse per lo sviluppo tecnologico e produttivo del Paese ovvero
riferiti a sistemi produttivi locali omogenei o a distretti
industriali;
Vista la circolare del Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato dell’11 maggio 2001, n. 1034240, esplicativa delle
modalita’ di concessione ed erogazione delle agevolazioni del Fondo
speciale rotativo per l’innovazione tecnologica (FIT);
Vista la circolare del Ministero delle attivita’ produttive del
26 ottobre 2001, n. 1035030, che individua i soggetti gestori per
l’istruttoria connessa alle agevolazioni di cui alla legge
17 febbraio 1982, n. 46;
Visto il decreto del Ministero delle attivita’ produttive 28 aprile
2004, riguardante termini, criteri e modalita’ di effettuazione del
bando tematico-territoriale finalizzato ad agevolare programmi di
sviluppo precompetitivo nei settori di alta e medio/alta tecnologia,
sviluppati da piccole e medie imprese presso unita’ ubicate nelle
«aree depresse» del centro-nord, ad esclusione di quelle ricadenti
nella regione Lombardia;
Visto il parere assunto dal comitato tecnico della legge
17 febbraio 1982, n. 46, nella riunione del 27 ottobre 2004, sulla
istituzione di un gruppo di lavoro per la valutazione dei progetti di
massima, presentati ai sensi dell’art. 6 del precitato decreto
28 aprile 2004;
Visti gli esiti delle riunioni del gruppo di lavoro sopra citato;
Visto il parere espresso dal comitato tecnico della legge
17 febbraio 1982, n. 46, nella riunione del 20 dicembre 2004, sulla
procedura adottata dal competente ufficio, congiuntamente al gruppo
di lavoro, per la valutazione degli aspetti connessi con
l’ammissibilita’ dei programmi al FIT, con la coerenza dei programmi
con il bando e per l’assegnazione del punteggio ed il parere finale,
espresso nella medesima seduta, sui programmi di massima presentati;
Considerata la disponibilita’ delle risorse finanziarie previste
dall’art. 7 del decreto 28 aprile 2004;
Decreta:

Art. 1.

1. Le iniziative inserite nella graduatoria relativa al decreto
28 aprile 2004, riguardante termini, criteri e modalita’ di
effettuazione del bando tematico-territoriale finalizzato ad
agevolare programmi di sviluppo precompetitivo nei settori di alta e
medio/alta tecnologia, sviluppati da piccole e medie imprese presso
unita’ ubicate nelle «aree depresse» del centro-nord, ad esclusione
di quelle ricadenti nella regione Lombardia, sono riportate
nell’allegato 1 al presente decreto.
2. Al fine di facilitare la lettura dei dati contenuti nella
graduatoria e l’individuazione delle iniziative selezionate con la
medesima graduatoria, si forniscono nell’allegato 2 le opportune note
esplicative.

Art. 2.

1. Ai sensi dell’art. 6, comma 9 del decreto 28 aprile 2004, le
imprese selezionate, che risultano quelle con posizione in
graduatoria dal n. 1 al n. 40, in considerazione del limite delle
risorse indicate dal comma 4 del medesimo articolo, devono presentare
ai gestori concessionari scelti, entro sessanta giorni dalla
pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, pena la decadenza, i relativi programmi
definitivi.
2. La presentazione dei programmi definitivi al gestore, la
successiva istruttoria e la valutazione dei programmi stessi, nonche’
la concessione e l’erogazione dei benefici avvengono secondo le
modalita’ ed i termini individuati dalle direttive 16 gennaio 2001 e
dalla circolare 11 maggio 2001, n. 1034240.

Art. 3.

1. I soggetti richiedenti decadono dalla graduatoria e le
agevolazioni eventualmente concesse sono revocate qualora, in
qualsiasi fase o grado della procedura, si accerti la inesistenza dei
requisiti di accesso previsti dall’art. 2 del decreto 28 aprile 2004
o la inesistenza, anche di uno solo, degli elementi richiesti dal
medesimo decreto.
Roma, 29 dicembre 2004
Il direttore generale: Pasca di Magliano

Allegato 1

GRADUATORIA BANDO DI CUI AL D.M. 28 APRILE 2004

—-> Vedere allegato da pag. 5 a pag. 27 in formato zip/pdf

Allegato 2

NOTE ESPLICATIVE

La graduatoria contiene le domande, presentate ai sensi dell’art.
6 del decreto 28 aprile 2004, dei soggetti e dei programmi ritenuti
ammissibili.
La posizione di ciascuna domanda nella graduatoria e’ determinata
sulla base del punteggio attribuito nella colonna O, risultante dalla
somma dei punti conseguiti (colonna I) con gli indicatori di cui alle
colonne E, F, G ed H incrementata della migliore delle maggiorazioni
percentuali di cui alle colonne L, M ed N. Nei casi di parita’ di
punteggio prevale l’impresa con il minor numero di dipendenti
(espresso in unita’ lavorative annue), di cui alla colonna P.
L’agevolazione prevista (colonna Q) e’ riferita ai costi totali
esposti dall’impresa (colonna D) e consente di calcolare le
agevolazioni cumulative (colonna R), sulla base delle quali viene
fissato il limite entro cui vengono selezionate le domande.
L’ammontare dell’agevolazione effettivamente concedibile sara’
valutato successivamente sulla base delle procedure di cui all’art. 2
del presente decreto.

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Geologi.info