MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 25 febbraio 2011 - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 25 febbraio 2011

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 25 febbraio 2011 - Definizioni delle procedure per il riconoscimento di idoneita' dei prodotti assorbenti e disperdenti da impiegare in mare per la bonifica dalla contaminazione da idrocarburi petroliferi. (11A03807) - (GU n. 74 del 31-3-2011 - Suppl. Ordinario n.87)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DECRETO 25 febbraio 2011

Definizioni delle procedure per il riconoscimento di idoneita’ dei
prodotti assorbenti e disperdenti da impiegare in mare per la
bonifica dalla contaminazione da idrocarburi petroliferi. (11A03807)

IL DIRETTORE GENERALE
per la protezione della natura e del mare

Vista la legge 31 dicembre 1982, n. 979, recante Disposizioni per
la difesa del mare;
Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, istitutiva del Ministero
dell’ambiente;
Visto il decreto legislativo del 30 marzo 2001, n. 165, recante
norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche;
Visto il decreto direttoriale 11 dicembre 1997 di approvazione
delle procedure per l’autorizzazione all’uso dei prodotti
disinquinanti in mare;
Visto il decreto del Direttore generale per la difesa del mare del
23 dicembre 2002 di definizione delle procedure per il riconoscimento
di idoneita’ dei prodotti disperdenti ed assorbenti da impiegare in
mare per la bonifica dalla contaminazione da idrocarburi petroliferi;
Visto il decreto del Direttore generale per la protezione della
natura del 24 febbraio 2004 di modifica del citato decreto
direttoriale 23 dicembre 2002;
Visto il decreto direttoriale 31 marzo 2009 con il quale si
riconosce l’impiegabilita’ in mare di prodotti composti da materiali
inerti di origine naturale o sintetica, ad azione assorbente, per la
bonifica dalla contaminazione da idrocarburi petroliferi;
Visto il decreto direttoriale DEC/DPN/1928 del 29 ottobre 2007 di
istituzione, presso la Direzione per la protezione della natura, di
un tavolo tecnico finalizzato alla formalizzazione di uno schema di
revisione del citato decreto direttoriale del 23 dicembre 2002;
Considerati gli esiti dei lavori del suddetto tavolo tecnico
relativamente alle specifiche tecniche dei prodotti assorbenti e
disperdenti da impiegare in mare per la bonifica dalla contaminazione
da idrocarburi petroliferi e alla definizione dei nuovi metodi
analitici finalizzati a valutare l’efficacia e l’ammissibilita’
all’impiego in mare dei suddetti prodotti;
Ritenuto, pertanto, necessario procedere alla definizione di nuove
procedure per il riconoscimento dell’idoneita’ tecnica e della
ecocompatibilita’ dei prodotti assorbenti e disperdenti con
l’ambiente marino;

Decreta:

Art. 1

Campo di applicazione

1. Il presente decreto, comprensivo degli allegati 1, 2, 3, 4, 5 e
6 che ne fanno parte integrante, definisce le procedure
amministrative e tecniche necessarie per conseguire il riconoscimento
di idoneita’ esclusivamente dei prodotti da impiegare per la bonifica
dell’ambiente marino dalla contaminazione da idrocarburi petroliferi,
appartenenti alle seguenti tipologie:
prodotti assorbenti di origine sintetica o naturale non inerti;
prodotti disperdenti di origine sintetica o naturale;
2. Sono esclusi dal campo di applicazione del presente Decreto i
prodotti ad azione biologica e i prodotti di origine sintetica ad
azione disinquinante non compresi nel precedente comma.

Art. 2

Definizioni

Ai fini del presente decreto si applicano le seguenti definizioni:
prodotti assorbenti di origine sintetica o naturale non inerti:
materiali insolubili di natura chimica utilizzati per rimuovere gli
idrocarburi petroliferi sfruttando le loro capacita’ adsorbenti;
prodotti disperdenti di origine sintetica o naturale: agenti
chimici che, attraverso un meccanismo di micellazione, favoriscono la
dispersione degli idrocarburi petroliferi nella colonna d’acqua;
prodotti ad azione biologica: colture microbiologiche (batteri,
funghi o lieviti), additivi enzimatici o additivi nutritivi ad azione
biodegradante sugli idrocarburi petroliferi;
prodotti di origine sintetica ad azione disinquinante: prodotti
con meccanismo di azione diverso da quello assorbente o disperdente.

Art. 3

Istanza di riconoscimento di idoneita’ per i prodotti assorbenti o
disperdenti

1. Le societa’ produttrici ovvero le societa’ che intendano
immettere sul mercato nuovi prodotti appartenenti alle tipologie di
cui all’art. 1 del presente decreto devono presentare istanza di
riconoscimento di idoneita’ degli stessi al Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio e del mare – Direzione generale per la
protezione della natura e del mare, via Cristoforo Colombo, 44 –
00147 Roma.
2. Tali istanze devono essere corredate dalla documentazione di cui
all’allegato 1, comprensiva della scheda tecnica del prodotto redatta
in conformita’ alle indicazioni di cui all’allegato 2 o 3, alla
documentazione relativa ai test e alle prove di laboratorio di cui
all’allegato 4 o 5 e la documentazione relativa alle informazioni da
apporre sull’involucro esterno del prodotto redatta in conformita’
alle indicazioni di cui all’allegato 6.
3. La documentazione relativa ai test e alle prove di laboratorio
di cui al precedente comma 2 dovra’ pervenire da Enti e/o Istituti
pubblici conformi ai requisiti della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 e
che dimostrino di partecipare a circuiti di intercalibrazione
nazionali e/o internazionali, ovvero da laboratori privati
accreditati ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025.

Art. 4

Istruttoria per il riconoscimento di idoneita’

1. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del
mare verificata la conformita’ delle istanze di cui al precedente
art. 3, trasmette all’Istituto superiore per la protezione e la
ricerca ambientale e all’Istituto superiore di sanita’ la
documentazione tecnica necessaria ai fini dell’acquisizione di un
parere congiunto sull’idoneita’ dei prodotti assorbenti o
disperdenti.
2. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del
mare, sulla base della conformita’ della documentazione di cui
all’art. 3 e dei pareri tecnici di cui al precedente comma 1,
provvede, entro 90 (novanta) giorni dal ricevimento dell’istanza, ad
emanare un provvedimento che riconosce l’idoneita’ dei prodotti
assorbenti o disperdenti all’impiego in mare per la bonifica dalla
contaminazione da idrocarburi petroliferi.
3. Qualora nel corso della istruttoria si renda necessaria
l’acquisizione di documentazione integrativa, il termine di novanta
giorni di cui al comma 2, e’ sospeso fino alla data di ricevimento
della suddetta documentazione.
4. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del
mare rendera’ pubblico sul sito internet istituzionale l’elenco dei
prodotti assorbenti o disperdenti riconosciuti idonei ai sensi del
presente decreto.

Art. 5

Impiego dei prodotti riconosciuti idonei

1. Il provvedimento di cui al precedente articolo 4, comma 2 non
costituisce formale autorizzazione all’effettivo impiego in mare dei
prodotti assorbenti o disperdenti riconosciuti idonei. Tale
autorizzazione deve essere appositamente rilasciata, di volta in
volta, dal Centro operativo antinquinamento operante presso il
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare –
Direzione generale per la protezione della natura e del mare –
Divisione VIIª.
2. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del
mare, sulla base di eventuali indicazioni fornite dall’Istituto
superiore per la protezione e la ricerca ambientale e/o dall’Istituto
superiore di sanita’, e attraverso il provvedimento di riconoscimento
di idoneita’, puo’ imporre prescrizioni all’impiego in mare dei
prodotti assorbenti o disperdenti riconosciuti idonei.
3. I prodotti assorbenti o disperdenti riconosciuti idonei dovranno
riportare sull’involucro esterno le informazioni di cui all’allegato
6 al presente decreto.

Art. 6

Durata e rinnovo del provvedimento di riconoscimento di idoneita’

1. Il provvedimento del Ministero dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare, di cui al precedente art. 4, comma 2, ha
durata quinquennale ed e’ rinnovabile, all’atto della scadenza, con
le modalita’ di cui ai successivi commi 2 e 3.
2. Qualora il prodotto gia’ riconosciuto idoneo ai sensi del
presente decreto non abbia mutato la sua composizione chimica e le
sue caratteristiche fisiche alla data di scadenza del provvedimento
di riconoscimento di idoneita’, la societa’ produttrice o che immette
sul mercato il prodotto assorbente o disperdente, deve presentare una
dichiarazione in cui si attesta che il prodotto ha conservato
immutate la composizione chimica e le caratteristiche fisiche dalla
data del suddetto provvedimento di riconoscimento di idoneita’. E’
fatta salva la facolta’ del Ministero dell’ambiente e della tutela
del territorio e del mare, sentito il parere dell’Istituto superiore
per la protezione e la ricerca ambientale e dell’Istituto superiore
di sanita’, di richiedere alla societa’ produttrice o che immette sul
mercato il prodotto assorbente o disperdente, documentazione tecnica
integrativa che sia di supporto alla procedura del rinnovo del
provvedimento di riconoscimento di idoneita’.
3. Qualora il prodotto gia’ riconosciuto idoneo ai sensi del
presente decreto abbia mutato la sua composizione chimica e le sue
caratteristiche fisiche alla data di scadenza del provvedimento di
riconoscimento di idoneita’, la societa’ produttrice o che immette
sul mercato il prodotto assorbente o disperdente, deve presentare una
nuova istanza secondo le procedure di cui all’art. 3 del presente
decreto al fine di ottenere il rinnovo del suddetto provvedimento.

Art. 7

Aggiornamento degli allegati

1. L’aggiornamento delle procedure tecniche contenute negli
allegati al presente decreto e’ effettuato con decreto del direttore
generale per la protezione della natura e del mare.

Art. 8

Disposizioni transitorie e finali

1. Sono fatte salve le istanze per il riconoscimento di idoneita’
dei prodotti assorbenti o disperdenti presentate ai sensi del decreto
direttoriale 23 dicembre 2002 e s.m.i. nei novanta giorni successivi
alla pubblicazione del presente decreto.
2. I prodotti assorbenti e disperdenti riconosciuti idonei ai sensi
del decreto direttoriale 23 dicembre 2002 e s.m.i. mantengono la loro
idoneita’ sino alla naturale scadenza del provvedimento con il quale
tale idoneita’ e’ stata riconosciuta. Il relativo rinnovo seguira’ le
procedure amministrative e tecniche di cui al presente decreto.
3. Il decreto del direttore generale dell’ispettorato centrale per
la difesa del mare dell’11 dicembre 1997 «Approvazione delle
procedure per l’autorizzazione all’uso dei prodotti disinquinanti in
mare», il decreto del direttore generale per la difesa del mare del
23 dicembre 2002 «Definizione delle procedure per il riconoscimento
di idoneita’ dei prodotti disperdenti ed assorbenti da impiegare in
mare per la bonifica dalla contaminazione da idrocarburi petroliferi»
e il decreto del direttore generale per la protezione della natura
del 24 febbraio 2004 «Provvedimento di modifica del decreto 23
dicembre 2002 concernente ”Definizione delle procedure per il
riconoscimento di idoneita’ dei prodotti disperdenti ed assorbenti da
impiegare in mare per la bonifica dalla contaminazione da idrocarburi
petroliferi”» sono abrogati.
Roma, 25 febbraio 2011

Il direttore generale: Grimaldi

Allegato 1

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 2

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 3

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 4

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 5

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 6

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 25 febbraio 2011

Geologi.info