MINISTERO DELLA SOLIDARIETA' SOCIALE - DECRETO 25 agosto 2006 - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELLA SOLIDARIETA’ SOCIALE – DECRETO 25 agosto 2006

MINISTERO DELLA SOLIDARIETA' SOCIALE - DECRETO 25 agosto 2006 - Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l'anno 2006. (GU n. 235 del 9-10-2006)

MINISTERO DELLA SOLIDARIETA’ SOCIALE

DECRETO 25 agosto 2006

Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti al Fondo nazionale
per le politiche sociali, per l’anno 2006.

IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA’ SOCIALE

di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Vista la legge 5 agosto 1978, n. 468 e successive modificazioni ed
integrazioni;
Visto l’art. 59, comma 44, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e
successive modificazioni, con il quale sono emanate disposizioni
circa l’istituzione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri
del Fondo per le politiche sociali;
Visto l’art. 133 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, con
il quale il Fondo in argomento e’ denominato «Fondo nazionale per le
politiche sociali»;
Vista la legge 8 novembre 2000, n. 328, «Legge quadro per la
realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali»;
Visto l’art. 80, comma 17, della legge 23 dicembre 2000, n. 388
recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001)», il quale
stabilisce la composizione del Fondo nazionale per le politiche
sociali a decorrere dall’anno 2001;
Visto l’art. 52, comma 2, della legge 28 dicembre 2001, n. 448
recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2002)» il quale integra le
disposizioni di cui all’art. 80, comma 17, della legge n. 388 del
2000 (legge finanziaria 2001);
Visto l’art. 96, comma 1, della legge 21 novembre 2000, n. 342, e
successive modificazioni e integrazioni, recante «Disposizioni in
materia di volontariato», le cui risorse afferiscono al fondo
indistinto attribuito al Ministero del lavoro e delle politiche
sociali;
Visto l’art. 46, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289
recante: «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello stato (legge finanziaria 2003)» il quale indica che
il Fondo nazionale per le politiche sociali e’ determinato dagli
stanziamenti previsti per gli interventi disciplinati dalle
disposizioni legislative indicate all’art. 80, comma 17, della legge
23 dicembre 2000, n. 388, e successive modificazioni, e dagli
stanziamenti previsti per gli interventi, comunque finanziati a
carico del Fondo medesimo, disciplinati da altre disposizioni. Gli
stanziamenti affluiscono al Fondo senza vincolo di destinazione;
Visto il successivo comma 2 del medesimo art. 46, il quale prevede
che il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con
il Ministro dell’economia e delle finanze, d’intesa con la Conferenza
unificata di cui all’art. 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997,
n. 281, provvede annualmente, con propri decreti, alla ripartizione
delle risorse del fondo di cui al comma 1 per le finalita’
legislativamente poste a carico del Fondo medesimo, assicurando
prioritariamente l’integrale finanziamento degli interventi che
costituiscono diritti soggettivi;
Vista la legge 23 dicembre 2005, n. 267 recante «Bilancio di
previsione dello Stato per l’anno finanziario 2006 e bilancio
pluriennale per il triennio 2006 – 2008»;
Vista la legge 23 dicembre 2005, n. 266 recante «Disposizioni per
la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
finanziaria 2006)»;
Visto l’art. 1 comma 52 della predetta legge n. 266/2005, in base
al quale le indennita’ mensili spettanti ai membri del Parlamento
nazionale sono rideterminate in riduzione nel senso che il loro
ammontare massimo, ai sensi dell’art. 1, secondo comma, della legge
31 ottobre 1965, n. 1261, e’ diminuito del 10 per cento. Tale
rideterminazione si applica anche alle indennita’ mensili spettanti
ai membri del Parlamento europeo eletti in Italia ai sensi dell’art.
1 della legge 13 agosto 1979, n. 384;
Visto il successivo comma 63 del suddetto art. 1, il quale
stabilisce che a decorrere dal 1° gennaio 2006 e per un periodo di
tre anni, le somme derivanti dall’applicazione delle disposizioni di
cui ai commi da 52 a 60, nonche’ le eventuali economie di spesa che
il Senato della Repubblica e la Camera dei Deputati nella propria
autonomia avranno provveduto a comunicare, affluiscono al Fondo
nazionale per le politiche sociali di cui all’art. 59, comma 44,
della legge 27 dicembre 1997, n. 449;
Vista la legge di conversione n. 233 del 17 luglio 2006 del
decreto-legge n. 181 del 18 maggio 2006 «Disposizioni urgenti in
materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio
dei Ministri e dei Ministeri» che trasferisce le competenze in
materia di politiche sociali e di assistenza al Ministero della
solidarieta’ sociale;
Visto l’art. 18, comma 2 del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223
«Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il
contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonche’
interventi in materia di entrate e di contrasto all’evasione fiscale»
che prevede un’integrazione di Euro 300 milioni annui per il Fondo
nazionale per le politiche sociali per il triennio 2006-2008;
Considerato che ai fini della corresponsione dell’assegno ai nuclei
familiari con almeno tre figli minori di cui all’art. 65 della legge
n. 448 del 1998 risultano presenti Euro 105.000.000,00 sul capitolo
3535 «Somma da erogare per la corresponsione dell’assegno ai nuclei
familiari, ecc» iscritto nello stato di previsione del Ministero del
lavoro e delle politiche sociali – C.d.R. n. 7 «Gestione del fondo
nazionale per le politiche sociali e il monitoraggio della spesa
sociale»;
Considerato che ai fini del finanziamento delle prestazioni di cui
all’art. 33 della legge n. 104 del 1992 risultano presenti Euro
6.713.940,00 sul capitolo 3532 e Euro 37.829.000 sul capitolo 3525
iscritti nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle
politiche sociali – C.d.R. n. 7 «Gestione del fondo nazionale per le
politiche sociali e il monitoraggio della spesa sociale»;
Considerato che ai fini del finanziamento delle prestazioni di cui
all’art. 39 della legge n. 448 del 2001 e successive modificazioni ed
integrazioni risultano presenti Euro 2.600.000,00 sul capitolo 3537
«Somma da erogare per la corresponsione dell’indennita’ annuale a
favore dei lavoratori affetti da talassemia major e drepanocitosi»
iscritto nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle
politiche sociali – C.d.R. n. 7 «Gestione del fondo nazionale per le
politiche sociali e il monitoraggio della spesa sociale»;
Visto in particolare l’art. 1, comma 112 della gia’ citata legge
30 dicembre 2004, n. 311, il quale dispone che il contributo statale
annuo a favore della Federazione nazionale delle istituzioni pro
ciechi di cui all’art. 3, comma 3, della legge 28 agosto 1997, n.
284, e’ aumentato a decorrere dal 2005 di euro 350.000,00;
Considerato pertanto, che la somma complessiva afferente il Fondo
nazionale per le politiche sociali per il corrente anno 2006 ammonta
a complessivi Euro 1.624.922.940,00 di cui:
Euro 1.149.000.000,00 cosi’ come risultano presenti in bilancio
al capitolo 3671 «Fondo da ripartire per le politiche sociali»,
iscritto nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle
politiche sociali – C.d.R. n. 7 «Gestione del fondo nazionale per le
politiche sociali e il monitoraggio della spesa sociale» (U.P.B.
7.1.5.2) a seguito della legge 11 marzo 2006, n. 81;
Euro 105.000.000,00 risultano presenti in bilancio sul capitolo
3535 «Somma da erogare per la corresponsione dell’assegno ai nuclei
familiari, ecc» iscritto nello stato di previsione del Ministero del
lavoro e delle politiche sociali – C.d.R n. 7 «Gestione del fondo
nazionale per le politiche sociali e il monitoraggio della spesa
sociale» (U.P.B. 7.1.2.6);
Euro 6.713.940,00 risultano presenti in bilancio al capitolo 3532
«Somma da erogare per la copertura degli oneri, ecc» iscritto nello
stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche
sociali – C.d.R n. 7 «Gestione del fondo nazionale per le politiche
sociali e il monitoraggio della spesa sociale» (U.P.B.7.1.2.6);
Euro 2.600.000,00 risultano presenti in bilancio al capitolo 3537
«Somma da erogare per la corresponsione dell’indennita’ annuale a
favore dei lavoratori affetti da talassemia major e drepanocitosi»
iscritto nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle
politiche sociali – C.d.R n. 7 «Gestione del fondo nazionale per le
politiche sociali e il monitoraggio della spesa sociale» (U.P.B.
7.1.2.7);
Euro 37.829.000,00 risultano presenti in bilancio al capitolo
3525 «Somma da erogare per la copertura degli oneri, ecc» iscritto
nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche
sociali – C.d.R n. 7 «Gestione del fondo nazionale per le politiche
sociali e il monitoraggio della spesa sociale» (U.P.B.7.1.2.3);
Euro 300.000.000,00 somme derivanti dall’art. 18 comma 2 del
decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223 «Disposizioni urgenti per il
rilancio economico e sociale, per il contenimento e la
razionalizzazione della spesa pubblica, nonche’ interventi in materia
di entrate e di contrasto all’evasione fiscale»;
Euro 23.780.000,00 somme derivanti dall’applicazione delle
disposizioni di cui al comma 63 della legge 23 dicembre 2005, n. 266
e destinate al Fondo nazionale per le politiche sociali con decreto
del Ministro dell’economia e delle finanze n. 023072 del 25 luglio
2006;
Ritenuto pertanto opportuno provvedere alla ripartizione delle
risorse individuate secondo il piano di riparto allegato per
complessivi Euro 1.624.922.940 da destinare al finanziamento dei vari
interventi previsti dalla normativa vigente;
Acquisita in data 12 luglio 2006 l’intesa della Conferenza
unificata di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
Decreta:

Art. 1.
Le risorse afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali
per l’anno 2006, ammontanti nel complesso a Euro 1.624.922.940 sono
attribuite con il presente provvedimento ai soggetti sotto elencati
per gli importi a fianco corrispondenti:

=====================================================================
1. Somme destinate all’Istituto nazionale della|
previdenza sociale (INPS) | euro 755.429.000,00
=====================================================================
2. Somme destinate alle regioni e province |
autonome di Trento e Bolzano | Euro 775.000.000,00
———————————————————————
3. Somme destinate ai comuni | Euro 44.466.940,00
———————————————————————
4. Somme destinate al Ministero della |
solidarieta’ sociale per interventi di |
carattere sociale | Euro 50.027.000,00
———————————————————————
| —————-
———————————————————————
|Euro 1.624.922.940,00

Art. 2.
Le tabelle nn. 1, 2, 3, 4, e 5 allegate formano parte integrante
del presente decreto e si riferiscono:
Tab. 1) riparto generale riassuntivo delle risorse finanziarie
anno 2006;
Tab. 2) finanziamento degli interventi costituenti diritti
soggettivi, quali: assegni di maternita’; assegni ai nuclei
familiari; agevolazioni ai genitori di persone con handicap grave;
indennita’ a favore dei lavoratori affetti da talassemia major e
onere pregresso;
Tab. 3) finanziamento afferente il Fondo nazionale per le
politiche sociali degli interventi di competenza regionale per le
politiche sociali. L’assegnazione delle risorse alle singole regioni
e’ uguale, in termini percentuali, a quella dell’anno 2005;
Tab. 4) finanziamento degli interventi di competenza comunale
relativi all’applicazione della legge n. 285 del 1997 recante
«Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunita’ per
l’infanzia e l’adolescenza», ripartito come nell’anno 2005;
Tab. 5) fondo per gli interventi a carico del Ministero della
solidarieta’ sociale per il finanziamento degli obiettivi
istituzionali e per la copertura degli oneri di funzionamento
finalizzati al raggiungimento degli obiettivi istituzionali stessi.

Art. 3.
Ai sensi dell’art. 46, comma 5, della legge 27 dicembre 2002, n.
289 il mancato utilizzo delle risorse da parte degli enti destinatari
comporta la revoca dei finanziamenti, i quali sono versati
all’entrata del bilancio dello Stato per la successiva assegnazione
al Fondo stesso.
A tal fine le regioni e le province autonome comunicano al
Ministero della solidarieta’ sociale, nelle forme e nei modi
previamente concordati, tutti i dati necessari al monitoraggio dei
flussi finanziari e, nello specifico, gli interventi, i trasferimenti
effettuati e i progetti finanziati con le risorse del Fondo stesso.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, previo visto e registrazione della Corte dei
conti.
Roma, 25 agosto 2006

Il Ministro della solidarieta’ sociale
Ferrero

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Padoa Schioppa

Registrato alla Corte dei conti il 15 settembre 2006
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 4, foglio n. 317

Allegato

—-> Vedere Allegato da pag. 23 a pag. 28 in formato zip/pdf

MINISTERO DELLA SOLIDARIETA’ SOCIALE – DECRETO 25 agosto 2006

Geologi.info