MINISTERO DELLA SALUTE - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 17 novembre 2004: Recepimento della direttiva 2003/121/CE della Commissione del 15 dicembre 2003, che modifica la direttiva 98/53/CE, che fissa metodi per il prelievo di campioni e metodi di analisi per il controllo ufficiale dei tenori massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari. (GU n. 9 del 13-1-2005)

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 17 novembre 2004

Recepimento della direttiva 2003/121/CE della Commissione del 15
dicembre 2003, che modifica la direttiva 98/53/CE, che fissa metodi
per il prelievo di campioni e metodi di analisi per il controllo
ufficiale dei tenori massimi di taluni contaminanti nei prodotti
alimentari.

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Vista la direttiva 2003/121/CE della Commissione del 15 dicembre
2003 che modifica la direttiva 98/53/CE che fissa metodi per il
prelievo di campioni e metodi d’analisi per il controllo ufficiale
dei tenori massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari;
Visto il regolamento CE n. 466/2001 della Commissione dell’8 marzo
2001 che definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti
nelle derrate alimentari modificato da ultimo dal Regolamento CE n.
683/2004 della Commissione del 13 aprile 2004 che modifica il
Regolamento CE n. 466/2001 per quanto riguarda le aflatossine e
l’ocratossina A negli alimenti per lattanti e prima infanzia;
Visto il decreto 23 dicembre 2000 recante il recepimento della
direttiva 98/53/CE della Commissione che fissa metodi per il prelievo
dei campioni e metodi d’analisi per il controllo ufficiale dei tenori
massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio 2001;
Visto il decreto 31 maggio 2003 di recepimento della direttiva
2002/27/CE della Commissione del 13 marzo 2002 recante modifica della
direttiva 98/53/CE della Commissione che fissa metodi per il prelievo
dei campioni e metodi d’analisi per il controllo ufficiale dei tenori
massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 161 del 14 luglio 2003;
Visto l’art. 21 della legge 30 aprile 1962, n. 283;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1980, n.
327 ed in particolare l’art. 9;
Visto il parere della Commissione per la determinazione dei metodi
ufficiali di analisi di cui all’art. 21 della legge 30 aprile 1962,
n. 283, espresso nella seduta del 7 settembre 2004;
Ritenuto di dover procedere ad una modifica delle disposizioni
nazionali;
Decreta:

Art. 1.

1. Il decreto 23 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
n. 33 del 9 febbraio 2001, modificato dal decreto ministeriale
31 maggio 2003 e’ modificato come segue.
A) All’allegato I sono apportate le seguenti modifiche:
1) il punto 5.2.1, lettera d) e’ sostituito dal seguente:
«5.2.1, lettera d) Il campione globale, del peso di 30 kg, va
mescolato e suddiviso in tre campioni di laboratorio uguali di 10 kg
prima della macinatura (nel caso di arachidi, di frutti a guscio, di
frutta secca e di granoturco, tale suddivisione non e’ necessaria se
destinati ad essere selezionati o a subire altri trattamenti fisici,
oppure se si dispone di un’apparecchiatura in grado di omogeneizzare
un campione di 30 kg). Nel caso in cui il peso del campione globale
sia inferiore a 10 kg, il campione globale non deve essere suddiviso
in tre campioni di laboratorio. Nel caso delle spezie, il peso del
campione globale non e’ superiore a 10 kg e pertanto non e’
necessaria alcuna suddivisione in campioni di laboratorio.»;
2) il punto 5.2.2 e’ sostituito dal seguente:
«5.2.2 Accettazione di una partita o sottopartita:
a) per le arachidi, i frutti a guscio, la frutta secca e il
granoturco destinati alla selezione o ad altri trattamenti fisici
nonche’ per le spezie:
accettazione, se il campione globale o la media dei campioni
di laboratorio sono conformi al limite massimo, tenendo conto
dell’incertezza di misurazione e della correzione per il recupero;
rifiuto, se il campione globale o la media dei campioni di
laboratorio superano il limite massimo al di la’ di un ragionevole
dubbio tenendo conto dell’incertezza di misurazione e della
correzione per il recupero;
b) per le arachidi, i frutti a guscio, la frutta secca e i
cereali destinati al consumo umano diretto e i cereali, ad eccezione
del granoturco, destinati ad essere selezionati o subire altri
trattamenti fisici:
accettazione, se nessuno dei campioni di laboratorio supera
il limite massimo, tenendo conto dell’incertezza di misurazione e
della correzione per recupero;
rifiuto, se uno o piu’ dei campioni di laboratorio superano
il limite massimo oltre un ragionevole dubbio tenendo conto
dell’incertezza di misurazione e della correzione per recupero;
qualora il peso del campione globale sia &60; 10 kg:
accettazione, se il campione globale e’ conforme al limite
massimo, tenendo conto dell’incertezza di misurazione e della
correzione per recupero;
rifiuto, se il campione globale supera il limite massimo
oltre un ragionevole dubbio tenendo conto dell’incertezza di
misurazione e della correzione per recupero.»;
3) il punto 5.4.2 e’ sostituito dal seguente:
«5.4.2 Accettazione di una partita o di una sottopartita:
accettazione, se il campione globale e’ conforme al limite
massimo, tenendo conto dell’incertezza di misurazione e della
correzione per il recupero;
rifiuto, se il campione globale supera il limite massimo oltre
un ragionevole dubbio tenendo conto dell’incertezza di misurazione e
della correzione per il recupero.»;
4) il punto 5.5.1.2 e’ sostituito dal seguente:
«5.5.1.2 Accettazione di un partita o sottopartita:
accettazione, se il campione globale e’ conforme al limite
massimo, tenendo conto dell’incertezza di misurazione e della
correzione per il recupero;
rifiuto, se il campione globale supera il limite massimo oltre
un ragionevole dubbio tenendo conto dell’incertezza di misurazione e
della misurazione per il recupero.»;
5) il punto 5.5.2.3 e’ sostituito dal seguente:
«5.5.2.3 Accettazione di un partita o sottopartita:
accettazione, se il campione globale e’ conforme al limite
massimo, tenendo conto dell’incertezza di misurazione e della
correzione per il recupero;
rifiuto, se il campione globale supera il limite massimo
oltre un ragionevole dubbio tenendo conto dell’incertezza di
misurazione e della correzione per il recupero.».
B) L’allegato II e’ modificato come segue:
1) il punto 4.4. e’ sostituito dal seguente:
«4.4. Calcolo della percentuale di recupero e registrazione dei
risultati.
Il risultato analitico viene registrato, sotto forma corretta o
meno, per il fattore di recupero. Devono essere indicati la modalita’
di registrazione e la percentuale di recupero. Il risultato analitico
corretto per il recupero e’ usato per verificare la conformita’ (cfr.
allegato I, punti 5.2.2, 5.3.2, 5.4.2, 5.5.1.2 e 5.5.2.3).
Il risultato analitico viene registrato secondo la formula x +/- U,
in cui x e’ il risultato analitico e U l’incertezza di misurazione
ampliata, utilizzando un fattore di copertura di 2, da cui risulta un
livello di affidabilita’ di circa 95 %.».
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 17 novembre 2004
Il Ministro: Sirchia

Registrato alla Corte dei conti il 17 dicembre 2004

Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 6, foglio n. 353

MINISTERO DELLA SALUTE

Geologi.info