MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - CIRCOLARE 23 dicembre 2004, n.49: Attivita' informativa del Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Geologi.info | Geologi.info

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – CIRCOLARE 23 dicembre 2004, n.49: Attivita’ informativa del Ministero del lavoro e delle politiche sociali

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - CIRCOLARE 23 dicembre 2004, n.49: Attivita' informativa del Ministero del lavoro e delle politiche sociali - articolo 9 del decreto legislativo n. 124/2004: esercizio dell'interpello. (GU n. 27 del 3-2-2005)

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CIRCOLARE 23 dicembre 2004, n.49

Attivita’ informativa del Ministero del lavoro e delle politiche
sociali – articolo 9 del decreto legislativo n. 124/2004: esercizio
dell’interpello.

Alle Direzioni regionali e
provinciali del lavoro
Direzione generale per l’attivita’
ispettiva
Direzione generale degli
ammortizzatori sociali e incentivi
all’occupazione
Direzione generale della
comunicazione
Direzione generale per la famiglia,
i diritti sociali e la
responsabilita’ sociale delle
imprese (CSR)
Direzione generale per la gestione
del fondo nazionale per le
politiche sociali e monitoraggio
della spesa sociale
Direzione generale
dell’immigrazione
Direzione generale del mercato del
lavoro
Direzione generale per le politiche
per l’orientamento e la formazione
Direzione generale per le politiche
previdenziali
Direzione generale per
l’innovazione tecnologica
Direzione generale delle risorse
umane e affari generali
Direzione generale della tutela
delle condizioni di lavoro
Direzione generale per il
volontariato, l’associazionismo e
le formazioni sociali
All’INPS Direzione centrale
ispettorato
All’INAIL Direzione centrale
ispettorato
All’ENPALS Direzione generale –
Servizio contributi e vigilanza
All’INPGI Direzione per la
riscossione dei contributi e
vigilanza
All’IPSEMA Direzione per la
riscossione dei contributi e
vigilanza
All’ENASARCO Unita’ organizzativa
vigilanza e Coordinamento sedi
e, per conoscenza
All’Agenzia delle entrate –
Direzione centrale accertamento
Al Comando Carabinieri –
Ispettorato del lavoro
Al Comando generale della Guardia
di finanza
Alla Provincia autonoma di Bolzano
Alla Provincia autononia di Trento
Alla Regione Siciliana –
Assessorato lavoro e previdenza
sociale Ispettorato regionale del
lavoro

A seguito dell’approvazione del decreto legislativo n. 124/2004,
l’attivita’ informativa istituzionale del Ministero del lavoro e
delle politiche sociali, ha acquisito un ruolo di rilievo nell’ambito
delle competenze istituzionali oggi riassunte nel citato decreto.
Tale attivita’ si puo’ esercitare attraverso risposte a quesiti
proposti:
a) al Centro di contatto istituito presso il Ministero del lavoro
e delle politiche sociali;
b) alle Direzioni provinciali e regionali del lavoro;
c) alla Direzione generale per l’attivita’ ispettiva. attraverso
l’interpello;

a) Centro di contatto del Ministero del lavoro e delle politiche
sociali.

Il Centro di contatto del Ministero del lavoro e delle politiche
sociali e’ un servizio che su tematiche relative alle politiche
sociali e del lavoro contribuisce alla diffusione delle indicazioni
ministeriali, mediante raccordo con le Direzioni generali
interessate, con particolare riferimento ai seguenti argomenti:
congedi parentali, disabilita’, tossicodipendenze, immigrazione,
sostegno alle famiglie, volontariato, infanzia ed adolescenza,
tipologie contrattuali di lavoro, ammortizzatori sociali, condizioni
di lavoro, attivita’ di comitati e commissioni del Ministero.
Gli utenti possono contattare il servizio attraverso la chiamata
telefonica o tramite l’invio di e-mail.

b) Quesiti alle Direzioni regionali e provinciali.

I quesiti rivolti alle Direzioni regionali e provinciali del
lavoro, anche da parte di singoli lavoratori o imprese, sono
riconducibili alle attivita’ di cui all’art. 7, lettera c), e art. 8,
comma 2, del decreto legislativo n. 124/2004.
Tali articoli stabiliscono che il personale ispettivo fornisce
chiarimenti in relazione alle leggi sulla cui applicazione deve
vigilare e fornire indicazioni operative sulle modalita’ per la
corretta attuazione della predetta normativa.
Si ricorda, ancora, che in tali ipotesi, il personale ispettivo
puo’ fornire chiarimenti e indicazioni operative che devono fondarsi
esclusivamente su circolari e su posizioni ufficiali del Ministero
del lavoro e delle politiche sociali e degli enti di previdenza per i
profili di competenza.

c) Interpello.

In riferimento all’interpello va precisato che lo stesso puo’
esercitarsi su tutta la normativa statale, ivi compresa quella di
natura regolamentare, di competenza del Ministero del lavoro e delle
politiche sociali.
Va chiarito, inoltre, che il diritto di interpello si esplica
esclusivamente su attivazione dei soggetti collettivi o
rappresentativi individuati specificatamente dalla norma
(associazioni di categoria, ordini professionali ed enti pubblici) i
quali rivolgono a questo Ministero, per il tramite delle Direzioni
provinciali del lavoro, ovvero degli Istituti previdenziali in sede
provinciale per le materie di competenza quesiti di ordine generale.
L’elemento che differenzia l’interpello rispetto all’attivita’
informativa svolta a livello territoriale e’ dato dall’attualita’
delle problematiche rappresentate, sulle quali, cioe’, non sia ancora
intervenuto alcun chiarimento o presa di posizione ufficiale
dell’Amministrazione, ne’ in sede di circolare ne’ in sede di
risposta ad un precedente interpello.
Pertanto, le Direzioni provinciali del lavoro e gli Istituti
previdenziali in sede provinciale, provvederanno ad inoltrare alla
Direzione generale per l’Attivita’ ispettiva i quesiti che, ai sensi
dell’art. 9 del decreto legislativo 124/2004, siano pervenuti
esclusivamente in via telematica solo dopo aver verificato
attentamente l’effettiva sussistenza dei presupposti sopra indicati.
Per quanto attiene alle modalita’ operative dell’istituto,
nonostante la norma non contenga alcun termine, va comunque
evidenziata l’esigenza di fornire risposte il piu’ possibile
tempestive, sia pure in relazione alla complessita’ e alla
molteplicita’ degli argomenti oggetto di quesito.
Cio’ premesso, ragioni di opportunita’ richiedono, dunque,
l’individuazione di termini, sia pure indicativi, per assicurare
l’efficacia dell’istituto in esame.
Le Direzioni provinciali del lavoro e gli Istituti previdenziali,
pertanto, provvederanno a trasmettere, entro quindici giorni, alla
Direzione generale per l’Attivita’ ispettiva il quesito corredandolo
di una, anche sintetica, relazione avente carattere istruttorio.
Tale Direzione, ove il quesito riguardi problematiche che esulano
dai profili di diretta competenza, provvede ad inoltrarlo alle
Direzioni generali competenti ratione materiae, od a convocare,
qualora il quesito sia ascrivibile alla competenza di piu’ Direzioni
generali, le Direzioni interessate per la valutazione congiunta del
medesimo entro venti giorni.
Le Direzioni generali coinvolte redigono il proprio parere motivato
o la soluzione condivisa e la trasmettono alla Direzione generale per
l’attivita’ ispettiva entro venti giorni.
La soluzione prospettata. ove condivisa, ovvero le diverse risposte
formulate dalla Direzione generale per l’Attivita’ ispettiva e dalle
altre Direzioni generali interessate, saranno trasmesse, entro i
successivi dieci gionri all’Ufficio legislativo per il parere
giuridico di competenza.
Allo scopo di dare massima diffusione alle soluzioni proposte ai
quesiti ad interpello, appare utile che le stesse siano pubblicate
sul sito Internet del Ministero del lavoro e delle politiche sociali
in un area appositamente dedicata.
Da ultimo, con rilerimento agli effetti dell’interpello, si
ribadisce che fermi restando gli effetti civili fra le parti e le
eventuali conseguenze sul piano previdenziale, nel caso in cui …

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – CIRCOLARE 23 dicembre 2004, n.49: Attivita’ informativa del Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Geologi.info