AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - Geologi.info | Geologi.info

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 22 dicembre 2004: Modifiche ed integrazioni al regolamento concernente il trattamento giuridico ed economico dell'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni. (Deliberazione n. 464/04/CONS). (GU n. 3 del 5-1-2005)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 22 dicembre 2004

Modifiche ed integrazioni al regolamento concernente il trattamento
giuridico ed economico dell’Autorita’ per le garanzie nelle
comunicazioni. (Deliberazione n. 464/04/CONS).

L’AUTORITA’
Nella sua riunione di Consiglio del 21 dicembre e, in particolare,
nella sua prosecuzione del 22 dicembre 2004;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, istitutiva dell’Autorita’
per le garanzie nelle comunicazioni;
Vista la delibera n. 17/98 del 16 giugno 1998, recante
«Approvazione dei regolamenti concernenti la gestione amministrativa
e la contabilita’, il trattamento giuridico ed economico del
personale dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni» e
successive modifiche ed integrazioni, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 169 del 22 luglio 1998;
Vista la delibera n. 294/01/CONS dell’11 luglio 2001, recante
«Cessazione dell’efficacia delle disposizioni transitorie relative
alla fase di avviamento delle attivita’ istituzionali» pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dell’8 agosto
2001, n. 183;
Vista la delibera n. 316/02/CONS del 9 ottobre 2002, con la quale
e’ stato adottato il nuovo regolamento concernente l’organizzazione
ed il funzionamento dell’Autorita’, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 259 del 5 novembre 2002;
Vista la delibera n. 336/04/CONS del 19 ottobre 2004, recante
«Modifiche ed integrazioni al regolamento concernente il trattamento
giuridico ed economico del personale», pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana del 13 novembre 2004, n. 267;
Vista la delibera n. 337/04/CONS del 19 ottobre, concernente
«Regolamento recante l’adozione della pianta organica definitiva
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni,» pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dell’11 novembre 2004,
n. 265;
Visto l’accordo stipulato con le organizzazioni sindacali il
15 luglio 2004 relativo alla revisione del trattamento economico del
personale dipendente dell’Autorita’ per le garanzie nelle
comunicazioni;
Visto l’accordo concernente la definizione della pianta organica e
l’ordinamento del personale, stipulato tra la delegazione trattante
dell’Autorita’ e le organizzazioni sindacali SIBC e FALBI in data
30 luglio 2004, approvato dal Consiglio in data 8 settembre 2004;
Sentite le organizzazioni sindacali in data 25 novembre 2004;
Considerata la necessita’ di procedere alle conseguenti modifiche
regolamentari;
Valutata l’esigenza di tenere in debito conto le professionalita’
possedute e le esperienze maturate dal personale attualmente in
servizio;
Ritenuto pertanto opportuno, nelle norme transitorie, considerare,
ai soli fini del requisito di anzianita’ previsto per la
legittimazione alla partecipazione ai concorsi, anche il servizio
prestato in posizione non di ruolo, ossia con contratto a tempo
determinato, comando, distacco o fuori ruolo;
Udita la relazione del prof. Traversa, relatore ai sensi dell’art.
32 del regolamento per l’organizzazione ed il funzionamento
dell’Autorita’;
Delibera:
Art. 1.
Modifiche ed integrazioni del regolamento concernente il trattamento
giuridico ed economico del personale
1. Gli articoli 24, 25, 26, 27 del regolamento concernente il
trattamento giuridico ed economico del personale sono cosi’
sostituiti:
«Art. 24.
Dirigenti
1. I dirigenti, nell’ambito delle funzioni loro attribuite dalla
legge e dal regolamento di organizzazione e funzionamento, svolgono
compiti di direzione, coordinamento, propulsione e controllo delle
attivita’ relative all’incarico ricevuto, assicurando il rispetto
degli indirizzi dell’Autorita’ e l’attuazione delle deliberazioni
adottate. I dirigenti sono responsabili della gestione e dei
risultati dei procedimenti in ordine ai quali organizzano le risorse
umane e materiali.
2. I dirigenti delle varie fasce sono, di norma, preposti a
corrispondenti unita’ organizzative.
3. Quando non sia loro affidato uno specifico incarico di
direzione, i dirigenti svolgono funzioni ispettive, di consulenza, di
studio, ricerca e analisi o eventuali altre funzioni loro assegnate
direttamente dall’Autorita’, sulla base di un apposito incarico.
Art. 25.
Funzionari
1. Il personale della carriera funzionariale svolge compiti
connessi all’attivita’ procedimentale di pertinenza dell’Autorita’,
nell’area giuridica, tecnica, economica, sociologica e
amministrativa, effettua attivita’ di studio e di ricerca ed assolve
tutte le altre attribuzioni ad esso affidate dai dirigenti,
esplicando la propria attivita’ secondo le direttive ricevute. Puo’
partecipare a commissioni, comitati o gruppi di lavoro sia interni
che esterni.
2. I primi funzionari svolgono con continuita’ funzioni che
richiedono alto grado di autonomia e di responsabilita’ nonche’
capacita’ di coordinamento delle attivita’ loro affidate secondo le
direttive generali impartite dai dirigenti. Assumono, di norma, la
responsabilita’ di procedimenti che coinvolgono altri uffici e
soggetti istituzionali e svolgono attivita’ di coordinamento anche
assumendo la responsabilita’ di gruppi di lavoro o di studio.
Assumono la responsabilita’ di settori e materie di lavoro
nell’ambito delle attivita’ di competenza dell’ufficio. Collaborano
con il titolare dell’ufficio nelle attivita’ di programmazione,
coordinamento, propulsione e controllo. Assolvono funzioni di
sostituzione del titolare dell’ufficio. Possono, in relazione a
specifiche esigenze di servizio, essere incaricati della reggenza di
uffici.
3. I funzionari inquadrati nella prima fascia esplicano le funzioni
assegnate anche con assunzione di iniziative, sempre nell’ambito
delle direttive impartite dai responsabili della struttura di
riferimento. Possono assumere la responsabilita’ di procedimenti che
coinvolgono altri uffici e soggetti istituzionali e svolgere
attivita’ di coordinamento, anche assumendo la responsabilita’ di
gruppi di lavoro o di studio. Possono assumere, nell’ambito
dell’ufficio, la responsabilita’ di linee di attivita’ in relazione a
particolari settori e materie. Supportano il titolare dell’ufficio
nelle attivita’ di programmazione, coordinamento, propulsione e
controllo. Possono assolvere, in relazione a specifiche esigenze di
servizio, funzioni di sostituzione del titolare dell’ufficio.
4. I funzionari inquadrati nella seconda fascia esplicano le
funzioni assegnate sulla base delle direttive ricevute. Assumono, di
norma, la responsabilita’ di procedimenti, compiono atti istruttori
nelle materie di competenza. Svolgono compiti di studio e ricerca,
partecipano alle attivita’ di gruppi di lavoro o di studio. Possono
assumere, nell’ambito dell’ufficio, la responsabilita’ di linee di
attivita’ in relazione a particolari settori e materie.
5. I funzionari inquadrati nella terza fascia operano sulla base
delle direttive ricevute. Possono assumere la responsabilita’ di
procedimenti, svolgono compiti relativi ad altri procedimenti.
Svolgono attivita’ di studio e ricerca, partecipano a gruppi di
lavoro o di studio.
Art. 26.
Personale operativo
1. Il personale operativo svolge, nel quadro di direttive definite,
compiti che richiedono specifiche conoscenze tecnico-pratiche; svolge
attivita’ di supporto in ambito giuridico, tecnico, economico,
sociologico e amministrativo. Puo’ essere designato a partecipare in
veste di segretario a gruppi di lavoro, commissioni o comitati.
Svolge altri compiti specificatamente assegnati.
2. Gli operativi inquadrati nella prima fascia, esplicano la
propria funzione nello svolgimento di attivita’ complesse con
autonomia e assunzione di responsabilita’ nel quadro delle direttive
ricevute. Possono svolgere compiti di coordinamento di unita’
operative nell’ambito di attivita’ di segreteria e, in relazione a
motivate esigenze di servizio nel limite del 30% possono loro essere
attribuiti incarichi speciali in ragione di particolari conoscenze
tecniche o professionali.
3. Gli operativi inquadrati nella seconda fascia svolgono i propri
compiti secondo specifiche direttive, nell’ambito di attivita’ non
caratterizzate da un elevato grado di complessita’.
Art. 27.
Personale esecutivo
1. Il personale esecutivo svolge compiti sussidiari connessi al
funzionamento degli uffici; provvede al funzionamento e
all’utilizzazione delle apparecchiature anche tecniche ed
elettroniche; svolge, all’occorrenza, compiti di anticamera; se
munito delle necessarie abilitazioni puo’ essere destinato alla guida
degli autoveicoli e motoveicoli dell’Autorita’. Svolge altri compiti
che gli sono specificamente assegnati.
2. Gli esecutivi inquadrati nella prima fascia svolgono i propri
compiti, con responsabilita’ nell’applicazione delle disposizioni
impartite per il corretto svolgimento di attivita’ complesse.
3. Gli esecutivi inquadrati nella seconda fascia svolgono i propri
compiti secondo specifiche disposizioni per l’esecuzione di attivita’
limitatamente complesse.».
2. Nel capo secondo del titolo III del regolamento concernente il
trattamento giuridico ed economico del personale…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Geologi.info