AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 11 novembre 2005, n.694: Attuazione della riforma della PAC (Reg. (CE) n. 1782/03) - Ricognizione preventiva ai sensi dell'articolo 12 del Reg. (CE) n. 795/04 - Geologi.info | Geologi.info

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – CIRCOLARE 11 novembre 2005, n.694: Attuazione della riforma della PAC (Reg. (CE) n. 1782/03) – Ricognizione preventiva ai sensi dell’articolo 12 del Reg. (CE) n. 795/04

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 11 novembre 2005, n.694: Attuazione della riforma della PAC (Reg. (CE) n. 1782/03) - Ricognizione preventiva ai sensi dell'articolo 12 del Reg. (CE) n. 795/04 - Settore tabacco. (GU n. 290 del 14-12-2005)

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

CIRCOLARE 11 novembre 2005, n.694

Attuazione della riforma della PAC (Reg. (CE) n. 1782/03) –
Ricognizione preventiva ai sensi dell’articolo 12 del Reg. (CE) n.
795/04 – Settore tabacco.

Al Ministero delle politiche
agricole e forestali
All’AGEA – Ufficio monocratico –
Area controlli – Area aut.
pagamenti
All’A.P.T.I.
All’UNITAB
Alla Coldiretti
Alla Confagricoltura
Alla CIA
Alla Copagri
Alla O.N.T.
All’A.R.T.E.A.
All’A.V.E.P.A
All’A.G.R.E.A.
Al C.A.A. Coldiretti S.r.l.
Al C.A.A. Confagricoltura S.r.l.
Al C.A.A. CIA. S.r.l.
Al C.A.A. Copagri
Al Coordinamento CAA

1. Premessa.
A partire dal 1° gennaio 2006, il regime di pagamento unico
entrera’ in vigore anche nel settore del tabacco (Regolamento (CE) n.
1782/2003 e n. 864/04 del Consiglio e Regolamenti (CE) della
Commissione n. 795/2004, n. 796/2004).
L’Italia, con il decreto ministeriale n. 790/g-1 del 29 luglio
2005, ha stabilito i coefficienti di disaccoppiamento per il settore
tabacco nella misura del 40% del plafond complessivamente assegnato,
per tutte le zone di produzione ad eccezione della regione Puglia per
la quale tale coefficiente e’ stato fissato al 100%.
Come e’ noto, il nuovo regime di aiuto non e’ piu’ legato alla
effettiva produzione di tabacco, bensi’ alla superficie aziendale
complessiva per la quale deve essere garantito il mantenimento delle
buone condizioni agronomiche e ambientali, dei criteri di
condizionalita’ in materia di sanita’ pubblica, salute delle piante,
ed il rispetto dell’ambiente dettati dalla Commissione europea.
Con la presente, si intende disciplinare l’effettuazione, ai sensi
dell’art. 12 del Reg. (CE) n. 795/2004, di una ricognizione
preventiva, finalizzata a:
comunicare agli agricoltori la situazione aziendale nel periodo
di riferimento (campagna 2000, 2001 e 2002) cosi’ come risultante
nelle basi dati del SIAN;
individuare e definire gli aventi diritto ai sensi dell’art. 33
del Reg. (CE) n. 1782/2003;
registrare le trasformazioni aziendali intervenute durante e
successivamente al periodo di riferimento;
indicare le eventuali cause di forza maggiore o le circostanze
eccezionali che consentano una differente determinazione dei dati del
periodo di riferimento, secondo le modalita’ definite nel prosieguo
della presente circolare.
La presente circolare disciplina le modalita’ di effettuazione
della ricognizione preventiva nel settore tabacchicolo.
2. La ricognizione preventiva.
La ricognizione preventiva ha luogo a partire dal 1° dicembre 2005,
fino al 31 gennaio 2006.
L’AGEA spedisce un’apposita comunicazione, conforme al fac-simile
allegato alla presente circolare, a tutti gli agricoltori che hanno
presentato una domanda di aiuto al tabacco, nel corso del periodo di
riferimento o negli anni successivi, ma precedenti all’applicazione
del regime unico di pagamento (prima del 1° gennaio 2006).
La lettera ed i moduli allegati saranno spediti con raccomandata
a.r.
Sono oggetto di comunicazione i dati risultanti dalle basi di dati
in possesso dell’AGEA relativamente al settore tabacco.
In particolare sono comunicati per ciascun anno:
i dati relativi alla superficie ammessa;
il quantitativo di tabacco ammesso all’aiuto.
Vengono altresi’ comunicati la superficie e il quantitativo a suo
tempo ammesso, risultanti dalla media aritmetica della somma dei
quantitativi ammissibili nelle tre campagne che costituiscono il
periodo di riferimento.
Al fine di fornire un quadro completo della posizione del
tabacchicoltore nei rapporti con l’amministrazione, vengono
riportati, oltre ai dati di riferimento, anche le movimentazioni di
quota e di azienda intervenuti nel periodo di riferimento (1° gennaio
2000/31 dicembre 2002) e nel periodo successivo dal 1° gennaio 2003
fino al 15 maggio 2004, comprensivi delle superfici relative.
Si fa presente che i dati comunicati (anagrafici e di consistenza
aziendale) sono quelli noti alla scrivente Agenzia nel momento in cui
la comunicazione stessa e’ inviata. Rimane quindi invariata la
possibilita’ di una modifica dei dati del periodo di riferimento, a
seguito della soluzione di eventuali situazioni di contenzioso in
essere con l’AGEA per quanto attiene le campagne di
commercializzazione 2000, 2001, 2002.
3. Individuazione dei beneficiari.
Dall’analisi congiunta dell’art. 33 del Reg. (CE) 1782/2003 e degli
articoli 13, 14 e 15 del Reg. (CE) n. 795/2004 risulta che:
1) possono beneficiare del regime di pagamento unico gli
agricoltori che:
a) abbiano fruito di un pagamento durante il periodo di
riferimento di cui all’art. 38, a titolo di almeno uno dei regimi di
sostegno menzionati nell’allegato VI,
oppure
b) abbiano ricevuto l’azienda o parte dell’azienda per via
ereditaria effettiva o anticipata da un agricoltore che soddisfaceva
le condizioni di cui alla lettera a),
oppure
c) abbiano ricevuto un diritto all’aiuto risultante dalla
riserva nazionale o per trasferimento;
2) nel caso in cui un agricoltore che abbia fruito di un
pagamento diretto nel periodo di riferimento modifichi il proprio
stato giuridico o la sua denominazione nel suddetto periodo o non
piu’ tardi della data di presentazione di una domanda nel corso del
primo anno di applicazione del regime di pagamento unico
relativamente al settore tabacchicolo, egli e’ ammesso al regime di
pagamento unico alle stesse condizioni previste per l’agricoltore che
gestiva l’azienda in origine;
3) nel caso di fusioni durante il periodo di riferimento o non
piu’ tardi della data di presentazione di una domanda nel corso del
primo anno di applicazione del regime di pagamento unico
relativamente al settore tabacchicolo, l’agricoltore che gestisce le
nuove aziende e’ ammesso al regime di pagamento unico alle stesse
condizioni previste per gli agricoltori che le gestivano in origine;
4) nel caso di scissioni durante il periodo di riferimento o non
piu’ tardi della data di presentazione di una domanda nel corso del
primo anno di applicazione del regime di pagamento unico
relativamente al settore tabacchicolo, gli agricoltori che gestiscono
le aziende sono ammessi, proporzionalmente, al regime di pagamento
unico alle stesse condizioni previste per l’agricoltore che la
gestiva in origine.
Pertanto gli «aventi diritto» nel settore tabacchicolo sono coloro
i quali hanno percepito un pagamento diretto nel periodo di
riferimento. Oppure coloro che sono subentrati all’avente diritto,
durante o dopo il periodo di riferimento, i quali conservano gli
stessi diritti dei soggetti (persone fisiche o giuridiche) ai quali
sono succeduti (totalmente e/o parzialmente).
Nessun titolo potra’ essere attribuito a chi non presentera’
domanda di fissazione dei titoli.
Il calcolo dei titoli puo’ essere effettuato anche sulla base dei
dati risultanti da annualita’ diverse (1997-1998-1999) da quelle del
triennio di riferimento, o sulla base di una parte degli anni di
riferimento, solo in funzione di motivate cause di forza maggiore o
di circostanze eccezionali che hanno determinato un danno alla
produzione nel periodo considerato (art. 40 del Reg. CE n.
1782/2003).
I casi in cui e’ possibile trasferire i dati di riferimento del
triennio da un soggetto ad un altro sono:
A) Eredita’ effettiva o anticipata (successione).
Nel caso di eredita’ effettiva vale la definizione prevista dal
diritto nazionale. La domanda di pagamento viene presentata da parte
dell’erede a proprio nome.
Il numero e valore dei titoli vengono calcolati in base all’importo
di riferimento e al numero di ettari corrispondente alle unita’ di
produzione ereditate.
Nel caso di successione anticipata, ai sensi del decreto del
Ministro delle politiche agricole e forestali 5 agosto 2004,
rientrano anche:
a) il consolidamento dell’usufrutto in capo al nudo proprietario;
b) tutti i casi in cui un agricoltore abbia ricevuto a qualsiasi
titolo l’azienda o parte dell’azienda precedentemente gestita da
altro agricoltore, al quale il primo puo’ succedere per successione
legittima.
Nel caso di successione anticipata revocabile il beneficio al
regime di pagamento unico e’ riconosciuto soltanto una volta al
successore designato entro la data di presentazione della domanda di
pagamento.
La successione di un contratto di affitto o la successione
effettiva o anticipata da parte di un agricoltore – persona fisica,
che nel corso del periodo di riferimento sia stato affittuario di
un’azienda, o di una sua parte, che consentirebbe di ottenere il
riconoscimento di titoli, sono considerati come la successione in
un’azienda.
Qualora l’erede effettivo o anticipato sia gia’ nelle condizioni
previste per l’attribuzione autonoma dei titoli, indipendentemente,
da quelli derivanti dalla successione, i titoli complessivi sono
costituiti dalla somma di quelli derivanti dalla sua azienda e quelli
effettivamente derivanti dalla successione delle unita’ produttive
ereditate.
Nel caso di agricoltore erede che abbia iniziato l’attivita’ nel
periodo di riferimento o che richieda l’accesso alla riserva
nazionale (cumulo di misure), viene attribuito un numero di titoli
non superiore al numero di ettari piu’ elevato tra gli ettari
ereditati e quelli autonomamente dichiarati nel corso del primo anno
di applicazione del regime di pagamento unico per un valore pari al
piu’ alto ottenibile applicando separatamente ciascuna delle misure
per le quali possiede i requisiti.
B) Modifica di stato giuridico o denominazione.
In caso di cambiamento di forma giuridica o di denominazione,
l’agricoltore ha accesso al regime di pagamento unico alle stesse
condizioni dell’agricoltore che gestiva originariamente l’azienda,
nei limiti dei titoli attribuibili all’azienda di origine, alle
seguenti condizioni:
a) il numero e il valore dei titoli sono calcolati in base
all’importo di riferimento e al numero di ettari corrispondenti
all’azienda di origine;
b) in caso di cambiamento nella forma giuridica di una persona
giuridica, o se una persona fisica diventa una persona giuridica o
viceversa, l’agricoltore che gestisce la nuova azienda e’
l’agricoltore che esercitava il controllo dell’azienda di origine in
termini di gestione, utili e rischi finanziari.
Le stesse regole si applicano qualora i casi previsti dal sopra
citato art. 33 1/2 2 Reg. (CE) n. 1782/2003 si verifichino nel
periodo compreso tra il 1° gennaio e la data di presentazione di una
domanda nel corso il primo anno di applicazione.
Ai sensi del decreto del Ministro delle politiche agricole e
forestali 5 agosto 2004, rientra nell’ipotesi di modifica della forma
giuridica il caso in cui l’agricoltore che gestisce l’azienda,
all’atto dell’avviamento del regime:
a) abbia esercitato attivita’ agricola come membro compartecipe
dell’impresa familiare di cui all’art. 230-bis del codice civile,
ovvero sia stato parte attiva in agricoltura della famiglia che ha
esercitato in precedenza il controllo dell’azienda;
b) abbia esercitato, come persona fisica o giuridica, attivita’
agricola attraverso una societa’ della quale aveva il controllo
secondo quanto previsto dall’art. 2359 del codice civile, ovvero
abbia esercitato la medesima attivita’ come affittuario di societa’
della quale aveva il controllo;
c) abbia esercitato, come societa’, attivita’ agricola attraverso
uno o piu’ propri soci.
C) Fusione di aziende e scissione di aziende.
Per «fusione» si intende la fusione di due o piu’ agricoltori
diversi, ai sensi della definizione di cui all’art. 2, lettera a),
Reg. CE n. 1782/2003, in un nuovo «agricoltore» ai sensi della
medesima definizione, la cui attivita’ e’ controllata, in termini di
gestione, utili e rischi finanziari, dagli agricoltori che gestivano
le aziende di origine o da uno di loro.
Il numero e il valore dei titoli sono calcolati in base all’importo
di riferimento e al numero di ettari corrispondenti alle aziende di
origine.
Per «scissione» si intende la scissione di un agricoltore, definito
come all’art. 2, lettera a), Reg. CE n. 1782/2003, in almeno due
nuovi agricoltori, ai sensi della medesima definizione, dei quali
almeno uno rimane sotto il controllo, in termini di gestione, utili e
rischi finanziari, di almeno una delle persone fisiche o giuridiche
che gestivano l’azienda di origine, oppure la scissione di un
agricoltore in almeno un nuovo agricoltore, ai sensi della medesima
definizione, mentre l’altro rimane sotto il controllo, in termini di
gestione, utili e rischi finanziari, dell’agricoltore che gestiva
l’azienda di origine.
Il numero e il valore dei titoli sono calcolati in base all’importo
di riferimento e al numero di ettari corrispondenti alle unita’ di
produzione trasferite dell’azienda di origine.
Si applicano le stesse regole qualora i casi previsti dall’art. 33,
paragrafo 3, primo o secondo comma del Reg. (CE) n. 1782/2003 si
verifichino nel periodo compreso tra il 1° gennaio e la data di
presentazione di una domanda nel corso il primo anno di applicazione.
4. La registrazione delle modifiche.
I produttori potranno manifestare il loro accordo con quanto
inserito nella comunicazione, ovvero notificare le modifiche, entro
le date che saranno indicate nella comunicazione stessa; decorsi i
termini previsti, vale la regola del «silenzio-assenso» e si procede
al calcolo dei titoli provvisori sulla base dei dati in possesso
dell’amministrazione.
L’eventuale modificazione dei dati di riferimento gia’ comunicati
relativi agli importi ammissibili, derivante dalla soluzione di un
contenzioso in atto intervenuta dopo l’avvio della ricognizione
preventiva, e’ presa in considerazione ai fini del calcolo dei
titoli.
I produttori, sia nel caso in cui debbano solo confermare il
contenuto della comunicazione, sia nel caso in cui abbiano la
necessita’ di procedere ad una modifica delle informazioni comunicate
per la parte dei dati di riferimento (circostanze eccezionali) o per
la parte della titolarita’ delle aziende nel periodo di riferimento
(eredita’, modifiche aziendali, acquisizioni con contratto di
vendita, ecc.), dovranno recarsi presso i seguenti uffici per la
registrazione delle conferme o modifiche, in particolare:
presso il Centro di assistenza agricola – CAA, a partire dal
1° dicembre 2005 e entro il 31 gennaio 2006 al quale ha conferito o
intende conferire mandato, per confermare la propria situazione
aziendale, oppure, producendo la suddetta documentazione
giustificativa, per chiedere la registrazione delle variazioni
intervenute all’interno del suo fascicolo aziendale. Sara’ cura dello
stesso produttore acquisire presso la propria associazione ogni utile
documentazione ed informazione necessarie ai fini della ricognizione
preventiva da svolgersi presso i CAA;
se non ha conferito, ne’ intende conferire, mandato a nessun CAA,
il produttore destinatario deve richiedere la variazione della
propria situazione aziendale, indicandone le ragioni senza allegare
alcun documento, mediante la compilazione della «Scheda per la
verifica aziendale» (quadro D) allegata alla presente circolare,
inviandola firmata, entro e non oltre il 31 gennaio 2006, al seguente
indirizzo: AGEA – Agenzia per le erogazioni in agricoltura – c.p.
14326 – 00100 Roma.
Il produttore interessato sara’ convocato per apportare le
necessarie variazioni al fascicolo aziendale, avendo cura di
acquisire, preventivamente, presso la propria associazione ogni utile
documentazione ed informazione necessarie ai fini della ricognizione
preventiva cosi’ come specificato nelle «Istruzioni per
l’individuazione della documentazione giustificativa» allegata alla
presente circolare.
5. Regime di pagamento unico.
A partire dall’entrata in vigore del regime di pagamento unico per
il settore tabacchicolo (1° gennaio 2006) e con specifico riferimento
alle procedure di costituzione ed aggiornamento del fascicolo
aziendale, di fissazione dei titoli e presentazione delle domande di
accesso al regime di pagamento unico, i produttori agricoli si
potranno avvalere dei CAA autorizzati oppure degli appositi sportelli
resi disponibili dagli organismi pagatori competenti.
A partire dalla data di entrata in vigore del regime di pagamento
unico anche per il settore tabacchicolo, trovano applicazione le
disposizioni in materia di mandato previste dal decreto legislativo
n. 165/1999, e successive modificazioni, e dal decreto ministeriale
27 marzo 2001, art. 15.
6. Integrazioni alla disciplina della ricognizione preventiva.
Al fine di assicurare l’uniformita’ di interpretazione ed
applicazione delle regole concernenti l’effettuazione della
ricognizione preventiva e piu’ in generale della normativa
comunitaria e nazionale sulla riforma della PAC, e’ istituito presso
l’AGEA un apposito gruppo di lavoro ristretto, la cui composizione
sara’ definita con separato provvedimento.
Sulle stesse questioni il gruppo elabora proposte di risoluzione
che vengono adottate dall’AGEA con specifiche integrazioni alla
presente circolare.
Le proposte di risoluzione saranno pubblicate sul sito dell’Agea
all’URL
http://www.agea.gov.it/ITA/InterComunitari/RiformaPac/default.htm
dove saranno pubblicati anche la presente circolare e le successive
integrazioni.
Con analoghe integrazioni della presente circolare saranno fornite
le informazioni relative ai successivi adempimenti previsti
dall’attuazione del regime di pagamento unico, ed in particolare:
assegnazione dei titoli provvisori;
fissazione dei titoli;
domanda di accesso al regime di pagamento unico;
assegnazione dei titoli definitivi.
Roma, 11 novembre 2005
Il direttore dell’Area coordinamento: Nanni

Allegato

—-> Vedere Allegato da pag. 43 a pag. 52 in formato zip/pdf

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – CIRCOLARE 11 novembre 2005, n.694: Attuazione della riforma della PAC (Reg. (CE) n. 1782/03) – Ricognizione preventiva ai sensi dell’articolo 12 del Reg. (CE) n. 795/04

Geologi.info