Toscana: le frane censite e zone in pericolo - Geologi.info | Geologi.info

Toscana: le frane censite e zone in pericolo

wpid-2069_frana.jpg
image_pdf

Si è svolta a Firenze una giornata di studi organizzata dall’Ordine dei Geologi della Toscana e dalla Fondazione dei Geologi della Toscana con il patrocinio della Regione Toscana, durante la quale è stata presentata la carta geomorfologica dell’Arcipelago toscano e della banca dati frane e coperture della Regione Toscana con particolare riferimento all’Isola d’Elba dove le frane censite sono 1.500.

”Sono circa 90 mila le frane censite in Toscana, 30 mila quelle ancora attive. Di queste 5 mila in prossimita’ di centri abitati, case, strade e quindi da monitorare con maggior attenzione”. E tra le zone a maggior rischio, ”oltre alle Apuane, sono sotto osservazione territori come il Mugello, la Garfagnana e il Valdarno” ha dichiarato Guido Lavorini, consigliere dell’Ordine dei Geologi della Toscana.

Alla luce degli ultime eventi accaduti nella regione con i disastri ad Aulla e all’Elba, l’assessore regionale Anna Marson presente all’iniziativa, ha annunciato che ”la revisione del piano paesaggistico non ancora completamente approvato dalla Regione sara’ l’occasione per lavorare in stretta collaborazione anche con i geologi. La geomorfologia e’ la componente fondamentale del paesaggio e le analisi geomorfologiche sono da prendere sul serio”.

Un approccio e una disponibilita’ che hanno trovato sponda in Maria Teresa Fagioli, presidente dell’Ordine Geologi della Toscana: ”Il territorio e’ un elemento importante anche per la politica, i cittadini sono attenti ai temi ambientali. E la sensibilita’ dell’assessore e’ sicuramente un aspetto importante. Se ci fosse stata maggior attenzione ad Aulla non si sarebbe costruito in una zona alluvionabile, nell’alveo del fiume”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Toscana: le frane censite e zone in pericolo Geologi.info