EGEC: la geotermia non deve essere ostacolata dalle tecnologie CCS - Geologi.info | Geologi.info

EGEC: la geotermia non deve essere ostacolata dalle tecnologie CCS

wpid-3826_geotermia.jpg
image_pdf

L’European Geothermal Energy Council, che rappresenta l’industria geotermica europea, rende nota la sua posizione riguardo alle questioni conflittuali su geotermia e stoccaggio geologico dell’anidride carbonica (CCS).

Il problema sta nel potenziale conflitto tra lo smaltimento della CO2 e i progetti di energia geotermica, perché possono puntare alle stesse falde acquifere profonde o alle stesse aree all’interno dei bacini sedimentari.

L’associazione sottolinea come la geotermia è una fonte di energia rinnovabile che si propone come soluzione a lungo termine al problema energetico mondiale e non deve essere ostacolata da una tecnologia quale il CCS, che ha il potenziale solo di servire come temporaneo provvedimento alla mitigazione dei gas serra.

Secondo l’associazione, il carbon capture and storage può essere la via adatta a mitigare i cambiamenti climatici nel breve e medio termine se non esistono alternative, e dove ci sono industrie ad alta intensità energetica e facendo uso ove possibile di privilegiati siti di stoccaggio off-shore.

L’EGEC sostiene che:

  • I progetti di CCS finanziati dal Fondo europeo dell’Economia dal NER300 debbano condividere con il pubblico i loro risultati in merito ad esplorazione e stoccaggio;
  • Le licenze di esplorazione debbano essere concesse per una determinata zona e per un determinato periodo di tempo, valutando l’area e la durata della concessione in maniera appropriata alle dimensioni e il tipo di progetto, come succede nei settori del petrolio e del gas;
  • Sia valutato anche il potenziale di energia geotermica profonda in Europa (soprattutto la Enhanced Geothermal Systems).

L’obiettivo del Consiglio è quello di indicare alle autorità una pianificazione sotterranea regionale, al fine d’ottimizzare l’allocazione delle risorse tra energia geotermica, stoccaggio del carbonio e altri possibili usi e massimizzare i benefici per la società.

Dovrebbero inoltre essere identificate chiaramente le zone con possibile duplice uso dando la priorità per il loro utilizzo alla geotermia, soprattutto in considerazione del suo sviluppo futuro.

Scarica il documento ufficiale

Copyright © - Riproduzione riservata
EGEC: la geotermia non deve essere ostacolata dalle tecnologie CCS Geologi.info