Palermo ospiterà un nuovo centro di ricerca per la protezione ambientale - Geologi.info | Geologi.info

Palermo ospiterà un nuovo centro di ricerca per la protezione ambientale

Il Cnr annuncia la creazione del "Centro internazionale di studi avanzati su ambiente e salute", che sarà ospitato presso la sede del Polo di eccellenza del Mar Mediterraneo

citta_di_palermo
image_pdf

La città di Palermo ospiterà il nuovo “Centro internazionale di studi avanzati su ambiente e salute – Cisas”: l’istituto, che sarà ospitato presso la sede del Polo di eccellenza del Mar Mediterraneo (ex complesso monumentale Roosevelt), diventerà un punto di riferimento per la ricerca sulla protezione dell’ecosistema e della salute.

L’annuncio ufficiale arriva in occasione di una riunione tenutasi presso l’Area della ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche di Palermo, da parte del sottosegretario all’Istruzione, università e ricerca, Davide Faraone, insieme a Roberto Lagalla, già rettore dell’Università di Palermo, da poco nominato componente del Consiglio d’amministrazione del Cnr. Il progetto sarà cofinanziato dal Cipe con 8.700.000 euro sul Fondo integrativo speciale per la ricerca su iniziativa del Dipartimento scienze del sistema Terra e tecnologie per l’ambiente del Consiglio nazionale delle ricerche (Dta-Cnr), che ha stanziato 2,2 milioni di euro destinati alla ristrutturazione e al potenziamento dell’immobile.

“Il Cisas vuole essere polo di riferimento in Sicilia su materie legate alla salute dell’ambiente e dell’uomo”, ha dichiarato Enrico Brugnoli, direttore Dta-Cnr. “Il progetto vede coinvolti cinque Dipartimenti del Cnr (Dta, Ds, Diitet, Dsctm, Disba), in sinergia con alcuni dei più importanti enti di ricerca pubblici che lavorano su numerose tematiche scientifiche in Sicilia (Enea, Infn, Ingv, Ispra), l’Arpa e la Soprintendenza del mare. La sede è quella del Polo di eccellenza del Mar Mediterraneo, un centro istituzionale nato con l’obiettivo di rafforzare proprio la cooperazione tra gli Enti pubblici di ricerca presenti sul territorio e stabilire una rete di collaborazione permanente con referenti presso i paesi dell’Unione Europea e i paesi Associati, al fine di sviluppare una visione comune sulle priorità della ricerca e sulle strategie d’innovazione in Europa e offrire alla Regione Siciliana l’opportunità di affrontare al meglio la sfida sul mare, oggetto della nuova Programmazione comunitaria”.

Tra gli obiettivi principali del progetto, la ristrutturazione dell’area e l’adeguamento dei locali per attività avanzate di ricerca nell’ambito della salute dell’ecosistema e dell’uomo e lo sviluppo di attività di divulgazione, orientamento e alta formazione in questi settori.

Copyright © - Riproduzione riservata
Palermo ospiterà un nuovo centro di ricerca per la protezione ambientale Geologi.info