Da cava ad anfiteatro contro il dissesto idrogeologico: e' Borgo Futuro - Geologi.info | Geologi.info

Da cava ad anfiteatro contro il dissesto idrogeologico: e’ Borgo Futuro

wpid-17338_ripe.jpg
image_pdf

Ripe San Ginesio, piccolo comune da 800 abitanti circa in provincia di Macerata, è uno dei ‘borghi più sostenibili’ d’Italia. Ciò è possibile grazie a una strategia che già da tempo applica con successo un mix ‘best practices’ alla vita quotidiana dei residenti: la raccolta differenziata copre l’80% dei rifiuti complessivi, l’impianto fotovoltaico comunale da 60 Kw soddisfa oltre il 50% del fabbisogno di energia elettrica, quello di solare termico produce acqua calda per la palestra e l’asilo nido, e tre unità di ventilazione recuperano il 90% del calore prodotto dal riscaldamento della scuola elementare, dotata a sua volta di una coibentazione a cappotto termico per ridurre ulteriormente il consumo di combustibile e le emissioni.

A queste già notevoli strategie per la sostenibilità energetica si aggiungerà, quest’anno, un intervento di recupero molto significativo: la realizzazione del nuovo Teatro La Cava, anfiteatro naturale ricavato in modo sostenibile da una ex cava di ghiaia, inutilizzata da vent’anni, sviluppato grazie ad un progetto dell’amministrazione comunale per il recupero dell’area e la tutela del territorio dai danni provocati dal dissesto idrogeologico.

Proprio il nuovo teatro sarà sede degli eventi previsti nel programma di Borgo Futuro, il festival della sostenibilità che si terrà a Ripe San Ginesio il 6 e 7 luglio prossimi. Giunto alla terza edizione, l’evento avrà come tema portante la crisi globale, affrontata attraverso incontri ed iniziative alla ricerca di una ‘via possibile’ all’uscita dalla recessione, che si alterneranno a spettacoli a basso impatto ambientale ed ecolaboratori per sperimentare nuovi stili di vita. Durante l’evento si terrà anche il battesimo di Libro Futuro, Forum dell’Editoria Green, e il seminario della Fima, la Federazione italiana media ambientali. In linea con la mission del festival, anche l’evento sarà dal punto di vista organizzativo ‘green’: saranno serviti solo cibi a km 0, utilizzati solo piatti e posate biodegradabili, i giochi per bambini saranno realizzati con materiale di riciclo e riuso e sarà attivato il carpooling per promuovere la mobilità sostenibile e incentivare gli spettatori a raggiungere Borgo Futuro riducendo le emissioni di Co2.

Copyright © - Riproduzione riservata
Da cava ad anfiteatro contro il dissesto idrogeologico: e’ Borgo Futuro Geologi.info